home


 VOCI DEL DIALETTO SANMARCHESE, MOLTE ORMAI SCOMPARSE O POCO USATE

Paròli e dittàti Binidizzioni e gastìgni Sup'a lingua Sutt'a lingua Numi e cugnumi Juochi


A - F A-F G - P Q - Z Q-Z
G
Gabbèddra = tassa sui consumi, gabella (Giovanni Mendicino)
Gabulu = leggero, senza essere pressato, arioso (Stefano Langella)
Gaccia = accetta, ascia (Stefania Chiaselotti)
Gaddra, Gaddrarizzu = galla di quercia o cecidio (Franco Manieri)
Gaddrina = gallina (Privissu)
Tanti gaddrìni e pochi ova, tanti a darsi da fare con scarsi risultati
Gaddrinaru = pollaio (Pino Mendicino)
Gaddrinazzu = letame di gallina (Pino Mendicino)
Gaddrineddra = gallinaccio, fungo commestibile (Andrea Sarpa)
Gaddru = gallo (Amerigo Borrelli)
A gaddrina fa l'uovu e allu gaddru li vusca lu culu - Ci ha fattu nu pede 'i gaddru ... ! Vedi approfondimento
Gaddruofulu = maschio sterile, non in grado di procreare (Privissu)
Gaddruzzu = pollo, galletto (Amerigo Borrelli)
Gafara, gafarunu = fosso, canale (Gianni Brusco)
Gafiu = pianerottolo d'ingresso posto su una scala esterna [dall'arabo - Massimo Giovane] (Wilma Giovane)
Gaficieddru, piccolo pianerottolo (Antonio Rogato)
Gagarino = bellimbusto, persona che ostenta la propria eleganza [in uso anche in altre regioni italiane, dal francese gaga', vecchio cicisbeo] (Stefano Langella)
Gaggiu [caggiu] = fidanzato, ma anche genericamente compagno occasionale (spesso con significato di uomo irretito da donna scaltra o viceversa, ma piùraro, se al femminile gaggia) (Privissu)
La voce trova una corrispondenza anche nell'italiano Gaggio, obbligo, pegno (vedi ingaggiare)
Gaglia = fessura, apertura [Anche 'ngaglia. Sgaglia', aprire un po' finestre, porte o altro] (Rosina Giovane)
Gaima = pasta non sufficientemente lievitata (Stefania Chiaselotti)
Galare (alare) = sbadigliare [basso latino halare, spirare] (Privissu)
Galareddra = sbadiglio (Franco Picarelli - Brasile)
Galiuotu = galeotto, delinquente (Michele Guaglianone)
Galumiddra = camomilla [È galummiddra, riferita a persona o cosa di minor impatto rispetto ad altra] (Rosina Giovane)
Gamma, gammuzza = gamba, gambetta [sgammuzzare, sgambettare, camminare a piccoli passi] (Privissu)
Gammièddru = attrezzo in legno al quale si appende per i piedi posteriori il maiale ucciso (Giuseppe Cipolla)
Stannu 'un ni ruppa gammièddru u puorcu, quest'anno le cose vanno male (il maiale ucciso non pesa tanto da rompere il sostegno)
Gammìola = donna sempre in giro (Rosina Giovane)
Gammìtta = fosso di scolo (Giovanni Tommaso)
Ganga = molare [Tena 'na ganga!, espressione per indicare persona combattiva e altezzosa] (Privissu)
Gangata = importante sforzo fisico (Andrea Sarpa)
Gangularu = mascella (Privissu)
Ganna = gola [usato nell'espressione 'N ganna, in gola] (Privissu)
[Parra cum'avissa na frittula 'n ganna, chi parla a bocca chiusa con voce pastosa (come se avesse una cotenna di maiale in bocca!!)] (Privissu)
Gapulu = soffice, non pressato [metatesi di galapu, garbo gentilezza, da gar'bu] (Stefano Langella)
Garagi, garagia = garage, fessura nel muro per intrudurvi qualcosa, risega [corretto caraci al maschile] (Privissu)
Gardiotu, gardiuotu, guardiotu = abitante della Guardia (Privissu)
Garigalizia, rigalizia, ligarizia = Liquerizia ['U cuonzu da rigalizia 'i Mungrassanu] (Privissu)
La prima è la voce più usata a San Marco Argentano. La parola liquirizia è una corruzione dell'originaria glycyrrhiza, cioè radice dolce e presenta nelle varie regioni italiane numerose varianti, la maggior parte accomunate dal riferimento al liquido che si estraeva dalla pianta. Garigalizia è stata coniata con l'aggiunta del prefisso gar quasi a voler significare una radice emolliente per la gola. (Privissu)
Garima = vedi malagarima (Privissu)
Garma', Garmari = preparare, costruire, anche atteggiarsi, vestirsi (riflessivo) [armare, consonantica per l'aggiunta di g] (Privissu)
Garma' na chiancula = preparare una trappola, tessere un tranello
Garmani quanti ni vu' chiangul'e reti/ma 'un nu pigli cchiu l'acieddru vulatu, puoi preparare tutte le trappole che vuoi, ma l'uccello volato via non lo prendi più (Gianni Brusco)
Garmatu di missa cantata, vestito a festa. S'era garmatu cumu nu brigantu, s'era vestito da sembrare un brigante (Privissu)
Garrafùnu = recipiente in vetro impagliato [dall'arabo - Massimo Giovane] (Natalina Carnevale)
Garrunu = calcagno (Rosa Avolio)
Gastima' = bestemmiare [Piglia pisci e gastima!, non è mai contento, contrario del proverbio "Chi si contenta gode"] (Franco Picarelli - Brasile)
Gastìgni = bestemmie, maledizioni (Privissu)
Gattignu = vinu gattignu, vino torbido (Rosa Avolio)
Gauniare, gauniata = montare le pecore, pecora ingravidata (Giovanni Tommaso)
Gavitu = grosso recipiente [altrove gavata, gavutu, vedi italiano gavetta, gavettone, dal latino gabata, scodella. Vedi anche gavanu] (Maria Antonia Gitto)
Gavanu = grosso recipiente [Forse anche gavatu - Nu gavanu 'i pasta. In molti dicono vàganu forse per similitudine con vagone! La voce deriva da gavata altra definizione della limma, dal latino gabata, scodella] (Rosina Giovane)
Gaviu = uccello, forse la gavia o strolaga (Stefano Langella)
Gavuta, gavutu = alta, alto [gavutu sta anche per gavitu] (Stefano Stoppaccioli)
Gaza', gazatu = alzare, alzato [gaz'e 'pona, gaza e pona, alza e poggia era sinonimo di assettare un sacco, ma anche un tipo di bastonatura: abbatti, alza e colpisci di nuovo] (Giovanni Scarpelli)
Gghiesia = chiesa (Privissu)
T'arraccummannu a porta 'a 'ghiesia, raccomandare una cosa ovvia (prof. Franco Chimenti)
Ghiegghiu = di etnia arbëreshë [dal nome della loro lingua: Gegë, italianizzato in Ghego] (Privissu)
Gherramu = eremo [Ghèrramu e spaturnatu, errante e senza padrone o guida] (Franco Manieri)
Ghinchi = riempire (Francesco Manieri)
Ghinnaru = gennaio [anche nome proprio Gennaro] (Egidio Lento)
Ghionnu = assiolo (uccello), ma anche sciocco [Faccia 'i ghionnu, faccia da ebete] (Giovanni Tommaso)
Ghiussu [a g.] = a diritto, ma spesso di prepotenza [Altrove jussu, dal latino ius] (Stefano Langella)
Giacchittieddru = giacchettino (Privissu)
[Giacchittìeddr'i Lattaricu erano chiamati, con scherno, i componenti della banda musicale di Lattarico per la loro divisa]
Giallinutu = di colorito giallastro, itterico [riferito con disprezzo a persona dall'aspetto malsano] (Privissu)
Giargianese = lingua sconosciuta, in genere con riferimento alla lingua arberëshe (Stefano Langella)
Il vocabolo, presente all'inizio delle mie ricerche solo nel dialetto abruzzese, ha finito per invadere prepotentemente il Nord fino a diffondersi a Milano come oggetto di scherno verso coloro che provengono da periferie o dal Sud. È interessante leggere l'origine che qualche sito attribuisce alla voce, che deriverebbe dalla cittadina di Viggiano, da cui ambulanti e altri improbabili suonatori di strada si sarebbero diretti verso Milano. La loro lingua incomprensibile avrebbe fatto il resto.
Io partirei, viceversa, dal Nord, e più precisamente dalla Francia che ha il ... merito di aver diffuso un po' dovunque l'argent, oltre a la guerre, al punto che ogni cosa attinente a quattrini, affari e quant'altro era arjiant, arjiant, arjiant e tra ciancia, gorgia, ciarra, giarra e guerra e io ci metterei ange Giangurgolo e Jan Val Jean ecco che spuntano u giangianisu, giargianisu, giaggianise ecc. ecc., che anche noi usavamo e mai ci saremmo sognati di confonderlo con u milanisu, al massimo avremmo potuto confonderlo con u scangianise!     Vedi anche 'U'mmi tuccat'u giargianisu (Privissu)
Ginettu = biscotto dolce pasquale a base di uova con glassa di zucchero (Privissu)
Il nome deriva da una contrazione del napoletano anginetto, il quale a sua volta trae origine da anizettu, perché aromatizzato con anice, trasformatosi, per metatesi, in anzinettu
Giobba = imbroglio, intrigo (Privissu)
Voce importata, forse dall'inglese Job. È probabile che la sua origine risalga ai tempi delle emigrazioni negli Stati Uniti, per indicare genericamente un qualsiasi lavoro. Utilizzata al di fuori del contesto lavorativo finì per assumere significato di affare o faccenda poco chiara, quindi di imbroglio. (Privissu)
Gira e bota = in un modo o nell'altro, comunque la giri [letteralmente Gira e volta] (Privissu)
Giramièntu = usato soprattutto nell'eseressione giramièntu 'i munnu, capogiro (Privissu)
Giramunnu = capogiro (Franco Di Cianni alias "Partecipa")
Girata = giro, passeggiata, capovolgimento [Va' ti fa' 'na girata, vai a farti una passeggiata, 'na vutata e 'na girata ... per fare una frittata] (Privissu)
Giuffitta = attrezzo di canna o altro per estrarre o spruzzare liquidi, usato anche come gioco (Giuseppe Mollo, Cervicati)
Giurgiulena = sesamo (Maria Gitto)
Gliàgliu = tonto (Luigi Credidio)
Gliànna = ghianda (Tarquinio Iuliano)
Gliannaru = Ghiandaro, contrada di San Marco Argentano (Privissu)
Gliogliaru = persona grossa e sgraziata [forse corruzione di gliommaru] (Privissu)
Gliommaru = gomitolo, anche cosa o persona informe (Salvina Tommaso)
Gliuriusu = glorioso, per lo più riferito a persona baldanzosa (Privissu)
Gliutti = inghiottire (Stefania Chiaselotti)
Gnacizza', gnacizzato = irrancidire, irrancidito (Maria Gitto)
Gnagna = pappa, pietanza molliccia (Stefania Chiaselotti)
Gnagnata = pasticcio (Andrea Sarpa)
Gnammi gnammi = chi parla male o si muove con lentezza (Privissu)
Gnaratu, 'nchiaratu (pr.: Gniaràtu, 'Nchiaràtu) = schiarito, limpido (Lina Tripicchio)
Ghianchia', 'nghianchia', janchia' (pr.: Gnîanchijìa', 'Nghîanchijìa') = imbiancare (Privissu)
Gnignulata = miscuglio, composto [proprio di qualcosa riuscita male] (Tonino Canonico)
Gnima', gnimatura = imbastire, imbastitura (Franco Di Cianni alias Partecipa)
Gnittatu = intrecciato [jetta, treccia] (Stefano Langella)
Gnizzione = iniezione (Pino Mendicino)
Gnogna, gnognara = intelligenza (Marcello Rummolo)
La prima è una corruzione locale della voce calabrese gnegnu, a sua volta aferesi e metatesi di ingegnu, la seconda è un iterativo della prima che trova una corrispondenza con il suo opposto minghionghiara (Privissu)
Gnorricatina (pr.; gnorricatìna) = scritto o disegno di pessima qualità [da gnurante. Vedi anche gnuorricu] (Privissu)
Gnostru = inchiostro (Privissu)
Gnuocculu = gnocco (Franco Manieri)
Vruocculi, gnuocculi e pridicaturi doppu Pasca nun valunu 'chiu'
Gnuorricu (pr.; gnùorricu) = scarabocchio (Privissu)
Gorgia = gola (anche in italiano), ma anche alterigia e imposizione delle proprie ragioni (Rosina Giovane)
Tena na gorgia!, ha un tono di voce arrogante!
Graggiamaglia, gragiamaglia, graciamaglia, gargiamaglia = insieme di tanti fanciulli [altrove gargiaria che sta per gregge] (Privissu)
La voce Graciamagghia fu registrata da Giambattista Marzano nel "Dizionario Etimologico del Dialetto Calabrese", Laureana di Borrello 1928, Tip. Il Progresso, col seguente significato che trascrivo integralmente:
Moltitudine di ragazzi, ragazzaglia, ciurmaglia, in senso dispregiativo; dal latino Graecia magna, in senso cattivo, come graeca fides significa malafede greca. Gli antichi dicevano graeca fide mercuri per denotare la vendita a contanti. Graeculi, con evidente senso di spregio, erano chiamati a Roma i retori e i filosofi greci che dalla loro patria portarono nel Lazio certo spirito gretto e pedante.
Chi l'avrebbe detto che a guagliunametra nostrana conoscesse il latino per trarre la propria origine dai coloni greci! A me pare che la parola sia coniata sulla consimile italiana marmaglia, insieme chiassoso di ragazzi, con la variante della prima voce, che da marma si trasforma in graggia, gargia e assonanze varie, che mi ricordano tanto le greggi e il loro belare! (Privissu)
Gramalu, gramalunu= persona alta e grossa (Leo Gitto)
Deriva da gramo, misero, meschino, probabilmente riferito all'intelligenza, con riferimento all'essere grande, grosso, ma sciocco
Gramaru= persona alta e grossa (Piero Gaudio)
Grammizza (ammia)= per merito (mio) [vedi voce sottostante, altri grannizza, ma è altra cosa](Stefano Langella)
Grammizzica = meno male che [grammizzica c'un c'era nuddru!, meno male che non c'era nessuno!] (Sante Cipolla)
Non è escluso che la voce segnalata dal signor Stefano Langella (grammizza) potesse significare "meno male a me" con riferimento ad un evento più dannoso che sarebbe potuto accadere e non "per merito mio".
Sull'origine della voce si potrebbe ipotizzare un legame con il siciliano Mizzica!, o più probabilmente una corruzione di un'originaria voce legata all'italiano "gramo", afflitto, dolente; e più precisamente alla condizione di dolore e di afflizione. Leggo, infatti, che Gram nell'antico tedesco indicava detta condizione, per cui potrebbe derivare da voce importata e successivamente corrotta dall'influsso siciliano. È solo un'ipotesi, ma il significato dell'esempio sopra esposto sembrerebbe confermarlo: Grande guaio, grande pena, se ci fosse stato qualcuno! Come dire: Meno male che non c'era nessuno. (Privissu)
Grammofanu= fonografo, grammofono (Franco Picarelli - Brasile)
Granaru= cassone dove si conservava il grano che, a poco a poco, in base alle necessità, poi si macinava in farina (Franco Picarelli - Brasile)
Granatu= melograno (Rosina Giovane)
Grannina, granninia', granniniata= grandine, grandinare, grandinata (Privissu)
Cuocci 'i grannina granni quantu na nuci, chicchi di grandine grandi come una noce (Privissu)
Grannizza= grandezza, anche amore grande [Grannizza mia!, amore mio grandissimo!] (Pino Mendicino)
Granza= residuo della cernitura del fior farina già separata dalla crusca (Italo Avolio)
Con la granza si facevano i prodotti cosiddetti vurnietti (di color bruno), pane, pitta, fresa ecc.
Il nome deriva dalla grangia o grancia dei monaci benedettini, la struttura destinata al deposito del grano. (Privissu)
Grasta = vaso di coccio o anche un pezzo di coccio [dal latino gastra, vaso, anche in italiano antico] (Rosina Giovane)
Grastare = evirare [metatesi del verbo gastrare da castrare - Col camice bianco, simile ad un chirurgo, gridava: È arrivatu 'u grastapurceddreee !!] (Privissu)
Grastiaddru= rastrello (Beniamino Giambarella)
Grattacasa = grattugia [da grattacasu](Privissu)
Gravunaru = calabrone (Stefania Chiaselotti)
Deriva da Cravunaru, metatesi du Carvunaru, forse perchè identificato con l'ape legnaiola, innocua, ma temuta per il colore nero violaceo
Grègna = fascio di grano tagliato (Vincenzo Aloise)
Era formato da quattro jìrmiti (Antonio Solamo)
Parma 'mbusa gregna gravusa, se piove la domenica delle Palme le spighe saranno piene di grano (Fiore Maritato)
Gridu paru= pettegolezzo che circola ampiamente [Anche, ma con minore intensità, Vuci para] (Privissu)
Grignusu= sdegnato, corrucciato, dall'aspetto ostile [anche sgrignusu] (Privissu)
Grispa= grippa, piega, parte increspata o rattrappita, anche natica (Privissu)
[Arri grispi, espressione volgare equivalente a 'nculu con l'aggravante delle pieghe dovute all'età.
Veniva pronunciata debolmente in modo da sembrare un Arrivederci]
Grispèddre o Crispeddre= frittele di pasta lievitata [anche cosi fritti] (Privissu)
Gruguluognu = barbagianni (Marcello Rummolo)
Grulia' = gloriare [rifl. Nun ti gruliari, non gloriarti] (da "Antologia di proverbi e motti sammarchesei" di Gaetano Mazzei)
Gruoiu = gru, uccello palustre (Stefano Langella)
Grupàre, grupu, 'ngrupàtu = bucare, buco, nascosto (Privissu)
Gruttuognu= grotta, antro, luogo buio e angusto (Privissu)
Gùmmulu = orciuolo (Privissu)
La voce è circoscritta solo ad alcuni centri del cosentino, altrove l'orciuolo è chimato bummulu (o simili) per derivazione della forma bombata. La nostra voce deriva dall'adattamento di vummulu, dove la VU iniziale, avvertita come una vocale U, ha trovato nella G l'abituale consonantizzazione.
Esisteva anche "u gummulieddru" o "ruzzulu" per i bambini (Franco Manieri)
Guaddrara = ernia [dall'arabo adara Massimo Giovane] (Elisabetta Rocco)
'Nguientu alla graddrara, rimedio inefficace
S'a 'mmidia fussa graddrara ognunu avia na guaddrara, se l'invidia fosse un'ernia inguinale sarebbero tutti erniosi.(Privissu)
Un tempo per guarire l'ernia dei bambini i genitori tagliavano fino a tre quarti della sua lunghezza un arbusto (scocca) e allontanandone i due capi facevano passare una o più volte il figlio sotto questo arco improvvisato. (Lina Tripicchio)
Guagliùna, guagliùnu = ragazza, ragazzo [dim. guagliunièddru] (Privissu)
Guagliunàmatra = insieme di ragazzi [G.B. Marzano riporta guagliunamata](Privissu)
Gualànu = bovaro [guidava il pariglio di buoi per arare] (Privissu)
Lavùra lavùra lu gualànu finu a ca cala la puddràra (Rosa Avolio)
Guàlu = uguale (aggettivo), di pari condizione sociale (sostantivo) (Privissu)
Gualu gualu, identico
'Miscati 'chi guali tua e facc'i spisi, stai sempre con i tuoi pari, anche se devi perdere qualcosa
Guanciu = zappa a due dentoni (Peppe Errico)
Guardacqua, guarda acqua = libellula (Stefano Langella)
Guarnimìenti = decori, guarniture, ma anche espressione pudica per definire gli attributi maschili (Privissu)
Guddru = capretto senza le corna (Carlo Di Cianni)
Guidi, guisu = selezionare il maiale per farne i diversi prodotti [probabile corruzione di dividi] (Piero Gaudio e Giuseppe Cipolla)
Guiscardu = autore di sonetti satirici su eventi sammarchesi (Privissu)
Gulíu = voglia (Rosina Giovane)
Gulíusu = voglioso, goloso (Michele Guaglianone)
Gummíari = gocciolare (Beniamino Giambarella)
Gúmmulu = orcio, vaso in terracotta usato come contenitore di acqua (Antonio Aloia)
Gunneddra = gonnella, ma anche raggiro*, inganno (Franco Trotta)
Deriva dal ballo della tarantella, in cui la donna tenta di gira intorno al maschio sollevando leggermente la gonna
Gunuocchia, gunuocchiu = ginocchia, ginocchio [Mussu e gunuocchia, posizione di chi è molto addolorato] (Franco Avolio alias "Franchino")
Guoffu = parte più esterna della natica [forse corruzione di nuoffu, femore] (Wilma Giovane)
Gurgiulusu = chi ha la gorgia, arrogante (Rosina Giovane)
Gurguluognu = Uccello notturno simile al gufo che trae il suo nome dal verso che emette, simile al goglottare del tacchino
(Piero Gaudio e Giovanni Tommaso)
Guscia', gusciaruolu = soffiare, tubo per soffiare sulla brace (Pino Mendicino)
gusciariaddru = guanciale (Tarquinio Iuliano)
Guscjiu = lardo
    [Difficilissima la pronuncia: i suoni della G e della C sono impercettibili e molto aspirati]     (Privissu)
Guscjiularu = pappagorgia [altri vuccularu, gusciariaddru] (Wilma Giovane)
Guscjiari = soffiare, gonfiare
    [Difficilissima la pronuncia: i suoni della G e della C sono impercettibili e molto aspirati]    (Privissu)


I - J
'I = di, da [preposizione, dinanzi a nomi che iniziano per consonante. A festa 'i Santu Marcu - È binutu 'i Cusenza] (Privissu)
Iatu = fiato ['Un ti putia 'ghesci u iatu! Perché non l'hai detto?! letteralmente: non poteva uscirti il fiato?!] (Privissu)
Ibbreu = ebreo, anche avaro (Emilio Rummolo)
Una canzoncina cantata dai braccianti che aspettavano il pagamento del dovuto a fine giornata:
Simu 'cappati 'mienzu a'l'ibbrei,/ unu è Iachinu, l'atru Liseu,
u sulu ha 'pigliatu li voti,/ allu patrunu c'ha pigliatu nu motu

Non sappiamo se si trattasse di persone di origine ebraica, dal tono canzonatorio sembra che i proprietari citati avessero l'abitudine di eclissarsi al momento del pagamento.
Ibria = voce antiquata per indicare epoca, usata solo nell'espressione all'ibria (Enrico Iaccino)
Iddùvi = da dove, di dove [Iddùv'è? Iddùvi vena?, da dove viene?] (Privissu)
I'ihsc = ordine vocale di fermarsi dato ad un cavallo o mulo (Massimo Giovane)
Ioia = baccano, per lo più generato da ragazzi (Beniamino Giambarella)
Gian Battista Marzano nel Dizionario etimologico del dialetto calabrese registra jojata per definire sciocchezza, ragazzata, cosa fatta male, mentre Luigi De Accattatis nel suo dizionario registra la voce jujata come bazzecola e soprattutto come innocua minaccia di temporale (Privissu)
Iotta = brodaglia da avanzi di cucina per il maiale (Tarquinio Iuliano)
Iotta - contrada di San Marco Argentano
Incamatu, 'ncamatu = affamato [nonostante l'apparenza si tratta di voce dotta, derivata dal latino camus, capezza, morso, museruola, usata anche da Dante. Quindi, nel nostro caso, tenuto a freno per impedirgli di mangiare] (Privissu)
Incantarata = carne di maiale sotto sale [cantaru era il recipiente per la conservazione] (Lina Tripicchio)
Iusca = residuo minuto della paglia (Maria Rocco, Stefano Langella)
Ja' = su, andiamo (apocope di jamu, dal latino eamus. Vedi anche Eja') (Privissu)
Jacca, iacca = spacco, crepa, fessura, ragade (Pino Mendicino)
Jacciu = ghiaccio [anche, ma raramente, jazzu] (Privissu)
Jacima' = cambiare il posto dei maiali per dormire (Pino Mendicino)
Gian Battista Marzano nel Dizionario etimologico del dialetto calabrese registra jacina ciaciglio, per cui la voce sammarchese può essere una corruzione di jacina' (Privissu)
Jacuvella, jacuvelleria = argomento o atto lezioso e fuorviante (Privissu)
Esiste nel dialetto napoletano analogo termine, molto antico, jacuvella inizialmente con significato di tenerezza affettuosa e poi, attraverso il teatro popolare, di azione o argomento dilatori. L'origine pare dovuta al diminuitivo di un personaggio di nome Jacovo o Jacopo, forse una marionetta
Janchia' = imbiancare, anche 'nghianchia' (Privissu)
Jancuni = spianatoio, ovvero il legno dove si preparava la pasta fatta in casa [altri chiancuni] (Candeloro Modaffari)
Jannivoi = nuvola portatrice di pioggia detta anche Monacu di Turanu [probabilmte corruzione di jianchi voji, bianchi buoi] (Giovanni Tommaso)
Jascu = pronome di prima persona enfatico (in verità significa fiasco) [Chissu è di jascu!, questo è mio] (Privissu)
Jatare, jatu = fiatare, fiato ['Un ti putia ghesci u iatu?!, non potevi dirlo?!] (Privissu)
Jatrare, jatratu = irrigidirsi per il troppo freddo freddo [Si jatra du friddu] (Candeloro Modaffari)
Jattula o iattula = anche chiattola, iattola, listello piatto per travature dei soffitti (Maria Caruso)
Jaura, javura = aria calda, aria di chiuso, stagnante, anche alito pesante (Piero Guadio)
Jiavura', o Hiavura' come scrive qualcuno, nel dialetto calabrese significa annusare, odorare, fiutare, ma anche, talvolta, olezzare, mandare odori (Privissu)
Jenca, jencu = giovenca, vitello (Michele Guaglianone)
Jennaru (pr.:jennàru) = gennaio (Candeloro Modaffari)
Jennaru (pr.:jènnaru) = genero (Candeloro Modaffari)
Jermu o jiermu = occulto, estraneo [probabilmente da jieremu, eremo] (Rosa Lento)
La voce, riferita dalla signora Rosa lento, è inserita in una antica poesiola o racconto, in cui un religioso celebrante messa in un villaggio, avvertito dal chierico che da sotto la tonaca spuntavano i piedi di un pollo rubato, lo ringrazia per aver usato una lingua jerma ignota ai villani
Jesu = Gesù (esclamazione) (Massimo Giovane)
Jeta, jieta = bietola (Rosina Giovane)
Jetta = 1. treccia (Salvina Tommaso)
Jetta = 2. treccia formata da fichi infornati infilati in stecchi di canna (Rosina Giovane)
Jetti = 1. germogli, anche jittuni (Tarquinio Iuliano)
= Andare [vaju, jia, jiutu, jiennu, jî] (Privissu) HELP!!
Presente indicativo: Vaiu, va, va, jiamu, jiati, vanu - Imperfetto indicativo: Jia, jiesi, jia, jiemu, jieti, jienu
Il tempo futuro non esiste per nessun verbo, si usa il presente con un avverbio: Dumani vaiu
Il passato remoto non esiste per nessun verbo, si usa il passato prossimo: Sugnu iutu, si jiutu, è jiutu, simu jiuti, siti jiuti, su jiuti
Trapassato prossimo: Era jiutu, erisi jiutu, era jiutu, eramu jiuti, eriti jiuti, eranu jiuti
Il presente congiuntivo non esiste
si usa l'imperfetto congiuntivo: "Digli che vada" =dìciaci ca' jissa
o il presente indicativo: "Non voglio che ve ne andiate!" =U'bbuogliu ca vi ni jiati !
Imperfetto congiuntivo (spesso sostituito dal condizionale): Jissa, jissi, jissa, jìssimu, jìssiti, jìssiru
Piuccheperfetto congiuntivo: Fussa jiutu, fussi jiutu, fussa jiutu, fussimu jiuti, fussiti jiuti, fussaru jiuti
Condizionale presente: Jiera, jierisi, jiera, jierimu, jieriti, jieranu
Condizionale passato: fora jiutu, forasi jiutu, fora jiutu, foramu jiuti, forati jiuti, foranu jiuti
Gerundio: Jiènnu - Participi presente non esiste per nessun verbo - Participio passato: jiùtu - Infinito:

  Cum'è jiuta e cum'è 'binuta ... = fatto sta che ...
  Jiènnu e binjiènnu buttùni cugliènnu / Jùtu e binùtu buttùni àiu cùotu (scioglilingua segnalato da Giuseppe Talarico)
Jia = inizio di varie esclamazioni di meraviglia, dolore, ecc. [Jia la miseria, jia 'chi brigogna, jia chi d'è! Deriva dal verbo ji' (andare), equivalente all'italiano vai, va', ma nel nostro caso traducibile al modo imperfetto in prima o terza persona.
È usato anche per definire un'azione temporale: era ca jia, quannu ..., stavo andando quando ...] (Privissu)
Jiado' = che diamine! (Luigi Credidio)
Jiancu = bianco [Trippa chîna canta, e no'cammisa jianca, meglio la pancia piena che una bella camicia] (Gianni Brusco)
Jibba = cerniera ad anelli di sportelli e porte (Piero Gaudio)
Jibbis = e oltre, riferito a quantità [Cinquanta gheuro e jibbis] (Privissu)
Jiditu = dito [Jìditu ammaccatu - Nu jiditu 'nta n'uocchiu - Jiditieddru] (Stefania Chiaselotti)
I jidita da manu un su' gguali
Jielu = gelo, ma anche persona insipida, scialba [che "gela" l'interlocutore per le cose che dice] (Elisabetta Rocco)
Jiersu = arido, secco, incolto (Privissu)
Jieta = bieta, bietola (Rosina Giovane)
Jievusa = bietola (Maria Gitto)
Jiencu = vitello, bue (Franco Picarelli - Brasile)
Jiermitu = quantità spighe che la mano riusciva a cogliere (Piero Gaudio)
Quattro Jìermiti formavano una gregna (Antonio Solamo)
Jiesu = Gesù
Risposta di Maria a chi le chiedeva perché fosse vestita di nero:
Avia nu figliu di trentatri'anni / e mo' u viu a'na cruci che s'affanna (Barbara Fasano)
Jiffa = cimice verde, anche pimmici'agresta (Nezara viridula) [dall'arabo] (Massimo Giovane)
Jilata o ghilata = brina (Pino Mendicino)
Jinchî = riempire (Privissu)
Jinnaru = gennaio (Privissu)
Jinostra = ginestra (Tarquinio Iuliano)
Jinuocchiu = ginocchio [mussu e jinuocchiu, rannicchiato su se stesso per dolore o insofferenza verso qualcuno o qualcosa] (Privissu)
Jinustreddra = fungo ginestrino, che ricorda il porcino, ma presenta la parte superiore del cappello più chiara e quella inferiore di color giallo tenue (Andrea Sarpa)
Jippu = omento, membrana con cui si avvolge il fegato del maiale [anche picchiu, chippu] (Tarquinio Iuliano)
Jippune = corpetto (Wilma Giovane)
Jiriddru = serpentello (Massimo Giovane)
Jiritu, jiritale = dito, ditale (Privissu)
Jitta' = buttare [Jitta' u sangu, lavorare come uno schiavo] (Privissu)
[in un documento del XVI secolo conservato nell'Archivio Selvaggi compare la voce italianizzata jettatillo derivata da un termine dialettale allora in uso: jettatieddru, con significato di infante abbandonato]
Jittuni = germogli (Amerigo Borrelli)
J-iu = (pr.: ghiu) interiezione di scherno diretta a chi non sa o sbaglia (Stefano Langella)
Jiugu = giogo, sia quello mobile dell'aratro che quello fissato al carro trainato da buoi (Franco Manieri)
Jocarieddru = giocherello, giocattolo, intrattenimento giocoso dei bambini (Privissu)
Jocca = chioccia (Pino Mendicino)
Jotta = brodaglia da avanzi di cucina per il maiale (Tarquinio Iuliano)
Jotta - contrada di San Marco Argentano
Jordi = callosità dei piedi, grappe [riferito per lo più ai cavalli] (Piero Gaudio)
Juanci = erba per legamenti (Tarquinio Iuliano)
Juuuu = suono di richiamo tra persone distanti in luoghi aperti (Tommaso Fiorina †)
Juca', jucata = giocare, giocata [Assume anche significato di sbrigarsi: Joca a bini'!, affrettati a venire!] (Franco Di Cianni, alias "Partecipa")
Jucuveddra = pettegolezzo (Andrea Sarpa)
Jumenta = giumenta e anche bella donna con attributi provocanti (Franco Picarelli - Brasile)
Jumara = fiumara, anche fiumana [C'era 'na jumar'i 'genti] (Privissu)
Jumi = fiume [A jumi cittu u' ji' a pisca', non andare a pescare in acque calme (non fidarti di situazioni o persone calme in apparenza)] (Privissu)
A fuocu e jumi 'un ti fa 'baruni, col fuoco e col fiume agisci con prudenza (Rosa Avolio Lento)
Junciu, jungiu = tipo di erba lungo i bordi (Stefano Langella). Giunco (Santino Pugliese)
Junna = fionda (Stefano Langella)
Junna', si junna' = lanciarsi contro (Giuseppe Cipolla), prestarsi ad un aiuto (Stefano Langella)
Junta = quantità contenuta nei palmi delle mani congiunte (Giuseppe Cipolla), aggiunta al quantitativo dovuto (Sofia Divone)
Juocu = gioco [Cum'è lu juòcu ?, espressione per chiedere come va, cosa si sta facendo, di cosa si sta parlando ecc.] (Franco Trotta)
Juornu = giorno [Sùmati ch'è fattu jùornu, alzati che è già mattino] (Privissu)
Juorni da simana (giorni della settimana): lùne, màrte, mièrcuri, jiuòvi, vènnari, sàbbatu, dumìnica
Cum'u mièrcuri 'mmiènzu 'a simàna, fuori luogo, inopportuno, fastidioso
'Un scartà ziti u juovi santu e nun cumprà ciucci u misi 'i maiu (Piero Gaudio)
Jura' = giurare [Mi juru sup'u ben'i mamma!, giuro sul bene che voglio a mia madre] (Privissu)
Mi juru sup'a Cruce e il giuramento era accompagnato dal bacio sugli indici incrociati
Juri o juru = fiore [Aprili fa' lu juri e maju si piglia l'unuri] (Natalina Carnevale)
Juri d'acqua, fiore di zucca (Andrea Sarpa)
Juru d'acqua, cetriolo (Beniamino Giambarella)
Juvu, juvarieddru = giogo, giogo più piccolo (Giuseppe Cipolla)


L
Laccarùsu = molle, brutto a gustarsi; oppure flaccido, di aspetto malaticcio (riferito a persona) (Walter Gaudio)
Lacciàta = brodaglia, minestra insapore [il siero che rimane dopo il cacio] (Rosina Marzulli Giovane †)
Lagana = sfoglia di pasta [Làgana e cìciri, pasta e ceci, ma anche giunchiglia] (Rosina Giovane)
Il nome scientifico dei fiori lagani e ciceri è Narcissus tazetta. I fiori di queste specie sono i primi a fare capolino nei campi annunciando il prossimo avvento della primavera. Il nome dialettale lo devono al colore giallo della corona che ricorda il cece e al bianco dei petali (la pasta). Emanano un buon odore, ma si sconsiglia di maneggiarle a mani nude in quanto ritenute tossiche (Andrea Sarpa)
Laganaturu, laghinaturu = mattarello (Salvina Tommaso)
Lagnusu = sporcaccione, antigienico (Franco Manieri)
Lampa = lampada (Privissu)
Lampa' = lampeggiare (Privissu)
Quannu lampa alla Mantia piglia a zappa e va fatica
quannu lampa allu Citraru iett'a zappa e curra allu pagliaru
quannu lampa di Lu Capu stipa a zappa e va curcatu
(Max Cristofaro)
Lampami 'nculu, espressione usata per evidenziare un esito intempestivo. Trae origine da un racconto popolare il cui protagonista, camminando al buio al chiarore dei lampi, inciampa e cade rompendo un recipiente che aveva con sé. Un lampo rischiara in quel momento il percorso e le terga del malcapitato che si sfoga con tale espressione contro la malasorte. (Beniamino Giambarella)
Langeddra = vaso di terracotta a bocca larga [dal greco Làgenos] (Massimo Giovane)
Lànnia, lannìune = latta e anche oggetto di latta, grossa lamina (Tarquinio Iuliano)
Lannieddra = latta priva dell'originario contenuto (olio, grasso o altro) recuperata come vaso per i bisogni corporali e poi vuotata nella latrina comune oppure in aperta campagna. Vaso da notte. (Antonio Rogato)
Lanniusu = lagnoso, lamentoso (Tarquinio Iuliano)
Lappa = grosso pezzo di qualcosa, anche grossa lama di coltello (Rosina Giovane)
Massimo Giovane ci ricorda una filastrocca che accompagnava il gioco dello schiaffo sulle mani
Alla lima alla lima
alla pitta cu salima
alla lappa alla lappa
alla manu ca ci 'ncappa!
Laprista = organo sessuale maschile (Pino Tricanico)
La quale = relativo tratto dalla lingua italiana e usato impropriamente in sostituzione di avverbio o congiunzione (Rosina Giovane)
Era ghiscìutu, povarìeddru, senza dì nente, la quale chiru cumincia a li gridà alli spaddre c'un s'avia'dda fà vidi cchiù!
Lartitica = artritide (da "Antologia di proverbi e motti sammarchesei" di Gaetano Mazzei)
Làscu = non stretto bene [lascu i rini, chi urina spesso] (Luigi Credidio)
Lastica = elastico [caramella 'lastica, chewingum, anche cingomma] (Privissu)
Lastra = il vetro della finestra (Roberto Ammenda)
Latanusu = noioso [da litania] (Franco Picarelli - Brasile)
Latru, latrunu, latruniggiu = ladro, ladrone, latrocinio (Privissu)
Lattarulu = lattario, qualità di fungo (Privissu)
Latuarnu = ripetizione fastidiosa di un discorso persistente (Luigi Credidio)
Latuornu era il pianto delle prefiche, donne pagate per piangere ai funerali . È usata nello stesso senso anche la metatesi taluornu (Privissu)
Lavia, laviusu = moina, chi fa moine (Una madre alla figlia all'uscita dalla scuola)
Lavina = invasione d'acqua piovana (Tarquinio Iuliano)
La voce dialettale è un esempio di vocabolo esistente anche nella lingua italiana, ma con significato alquanto diverso. In italiano, infatti, per lavina si intende una valanga di neve, un tempo anche una frana, mentre nel nostro dialetto lavina è un rigagnolo d'acqua più o meno esteso, in genere prodotto dalla pioggia. Il vocabolo è anche usato per indicare liquidi di altro genere che scorrono in abbondanza: sangu, suduru, chiantu, lacrime, vinu, e finanche i sordi (soldi)!
Fernando Ferretti ci ricorda l'espressione A tia 'un t'è passata 'a lavina suttu 'u culu! per indicare che una persona non ha avuto le esperienze dolorose di cui parla l'interlocutore
Lavinara = corso d'acqua impetuoso che travalica gli argini (Franco Di Cianni, macellaio)
Lazzu = laccio, stringa (Francesco Manieri)
Leji = leggere [lieiu, lijia, lijutu, lijiennu, leji] (Candeloro Modaffari)
Presente indicativo: Lieiu, liei, leia, lijimu, lijiti, leianu - Imperfetto indicativo: Lijia, lijiesi, lijia, lijiemu, lijieti, lijienu
Il tempo futuro non esiste per nessun verbo, si usa il presente con un avverbio: Dumani lieiu
Il passato remoto non esiste per nessun verbo, si usa il passato prossimo: Aiu lijiutu, ha lijiutu, ha lijiutu, amu lijiutu, ati lijiutu, anu lijiutu
Trapassato prossimo: Avia lijiutu, aviesi lijiutu, avia lijiutu, avienu lijiutu, avieti lijiutu, avienu lijiutu
Il presente congiuntivo non è usato, si usa il presente indicativo
Imperfetto congiuntivo (spesso sostituito dal condizionale): Lijissa, lijissi, lijissa, lijissimu, lijissiti, lijissiru
Piuccheperfetto congiuntivo: Avissa lijiutu, avissa lijiutu, avissa lijiutu, avissimu lijiutu, avissiti lijiutu, avissaru lijiutu
Condizionale presente: Lijiera, lijierisi, lijiera, lijierimu, lijieriti, lijieranu
Condizionale passato: avera lijiutu, averasi lijiutu, avera lijiutu, averamu lijiutu, averati lijiutu, averanu lijiutu
Gerundio: Lijiennu - Participio presente non esiste per nessun verbo - Participio passato: lijiutu - Infinito: Leji
Lenti = occhiali (Wilma Giovane)
Lerchia = cosa grossa, enorme [anche il pene] (Stefano Langella)
Liccatina, alliccatina = pochissimo cibo in un piatto [s'ha mangiatu giustu na'llicatina, ha mangiato meno di un boccone] (Privissu)
Libira' o Libbira' = liberare, dare sfogo, anche partorire [libbira' nu scaffu, nu piritu - S'è libbirata, ha partorito o ha defecato, ecc.] (Privissu)
Librichia' (librichiare) = essere saccente, sentenziare (Stefano Langella)
Libraninni = liberacene (invocazione) (Giuseppe Cipolla, Bonavita)
Licchetta = bambina pronta nell'agire e un po' leziosa, altrove chiacchierona (Privissu)
Licurdia = pasticcio, pappetta liquida (Gaetana Ambrosio)
Lieggiu (anche leggiu) = leggero (Privissu)
Lieguma = poltiglia, liquido denso, per lo più di origine vegetale [Probabilmente dal latino legumen. Nella lingua rumena leguma ha il significato generico di verdura, ortaggio, vegetale. Similmente con lieguma si intende una poltiglia originata da flora putrefatta] (Privissu)
Lientu = magro [lento si dice musciu] (Privissu)
Liepuru = lepre [Eh, liepuru!, eh, furbacchione!] (Privissu)
Ci crediate o no, una volta si diceva liepricare, ma la lepre non c'entrava affatto! significava replicare
Ligarizia, rigalizia, garigalizia = liquirizia (Privissu)
Lijitimu = ben cresciuto, bello e ben fatto [in genere riferito a bambino] (Giuseppe Talarico)
Lijitimo, legittimo, chiaro, voce della lingua spagnola del Seicento. L'italiano legittimo, cioè garantito dalla legge, assunse il significato di genuino (Privissu)
Altri, impropriamente, ritengono derivi da lievitu
Limasurda, persona infida [in italiano la lima sorda è quella che non fa rumore. Vedi anche lappa] (Privissu)
Limma = ampio contenitore in terracotta di pietanze (Privissu)
Limmiccu = alambicco e, per estensione, piccolo recipiente con beccuccio (Orietta Scarpelli)
Limmitu = cespuglio di siepi [usato, appunto, per segnare i limiti di proprietà di un terreno] (Giovanni Mendicino)
Linnini = lendine, uova di pidocchio (Stefano Langella)
Linnora = donna sciatta, sporca, una pessima massaia (Stefano Langella)
Linnuria = sporcizia (Simona Avolio)
Linnusu = pidocchioso, sporco [letteralmente pieno di linnini, uova dei pidocchi] (Luigi Credidio)
Linticchia = lenticchia (Andrea Sarpa)
Linza = brandello, striscia di stoffa [Dal latino lintea, fascia di lino per ferite. Ti fazzu linzi linzi, ti riduco a brandelli] (Privissu)
Linu = Lino [U linu è a tre funniddri, ad inizio d'opera] (Candeloro Modaffari)
Lippu = sudiciume, deposito sul fondo di un recipiente (Privissu)
Lippusu = che allappa denti e lingua (Privissu)
Liquitu = svanito, mezzo matto (Privissu)
Lisbergina = albicocca [altrove anche sbergia. Dal latino asper per il sapore del nocciolo?] (Privissu)
Lisciu = liscio (usato anche per indicare mancanza di soldi o, tratto dal gioco, senza pretesa di possesso)
A Merica du lisciu, l'America senza il dollaro (in genere il Brasile); Vacci lisciu, ci'ana ji' lisciu! (Privissu)
Lisciuebbussu = bastonatura, pestaggio, aggressione violenta (Privissu)
[dalla voce del gioco di carte "Tressette" Liscio e busso. Anche paliata e paliatunu]
Lissia = ranno, liscivia (Giuseppe Cipolla)
Litica', liticare = lite, rissa, venire alle mani e anche rimproverare (Tarquinio Iuliano)
Liticastuartu = litigioso e prepotente, istigatore (Tarquinio Iuliano)
Litra = misura per olio (Umberto Gaudio)
Litrara, litraru = sporca, vagabonda, la seconda voce al maschile (Virginia Grosso)
Litturina = pullman (Tarquinio Iuliano)
Liusu = schizzinoso (Franco Credidio)
Livatu = lievito del pane (Wilma Giovane)
Loccu loccu = mogio mogio, in origine stupido [vedi (Ovidio Fago pittore †)
Longaria = lungaggine (Privissu)
Lucchija o allucchija = spunta il sereno, il sole fa capolino tra le nuvole (Bruno Siciliano)
Lucchisa = tasca interna della giacca (Fiore Maritato)
Luci = lucere, splendere (Wilma Giovane)
Ninna Nanna
Lucia lu mari
Lucia la marina
Lucia
[nome del bambino] miu
quannu camina
Lucia (pron.:lucìa) = spina (Luigi Rizzuto)
Lucise = focolare (Giovanni Tommaso)
Lucitu 'i scarpi = cromatina, letteralmente lucido da scarpe (Privissu)
Lujiaru o Luviaru = affitto [Casa a 'luviaru. Forse dall'etimo loco, locare, lugar] (Giuseppe Mollo, Cervicati)
Lumineriu = falò, fuoco di ginestre (Privissu)
I falò o luminèri sono accesi la vigilia dell'Immacolata e la vigilia di Natale. Quello dell'Immacolata fu realizzato la prima volta nel 1855, anno successivo alla proclamazione del dogma da parte del papa Pio IX, quando era vescovo di San Marco monsignor Livio Parladore (Memoria orale del prof. Antonio Di Cianni †)
Luordu = lordo, sporcaccione (Privissu)
Luta = sporcizia della pelle (tarquinio Iuliano)
Lupieddru = colica intestinale [da ingestione di lupini] (Franco Credidio)
Lupieddru, pustola maligna, carbonchio (Privissu)
Lupu = lupo (Privissu)
A ttia lupu!
U lupu va truvannu neglia terrana e cuoscu 'ncuttu (Giuseppe Talarico)
Raccummanna' i piacuri allu lupu
Lupuomminu = lupo mannaro (Franco Credidio)
Lustrera = lucernario (Andrea Sarpa)
Lustru = luce, anche alba [allu lustru, alla luce, quannu fa lustru, 'c'u lustru all'alba,] (Roberto Ammenda)


M
Nota: La scrittura 'M equivale alla pronuncia di una doppia M
'Ma = oltre a significare ma, congiunzione di tipo avversativo, è sostantivata con significato di "un problema" o "un impedimento", nu 'ma, un ma [C'è nu ma, c'è un ma] (Privissu)
'Macantu = vuoto [Mindi nu pedi a 'macantu, mettere un piede nel vuoto, Gliutti a 'macantu, inghiottire solo saliva e non cibo] (Tonino Marraffa)
'Marda' = mettere il basto, bardare [Va' mmarda a ciuccia, metti il basto (bardu) all'asina] (Pino Mendicino)
'Masciata = ambasciata, notizia, affidamento di incarico, favore (Rosina Giovane)
'Mastu, 'mastaru = basto, sella per animali da soma, sellaio per animali da soma (Franco Picarelli - Brasile)
'Mbaccia (anche 'mpaccia) = in faccia, di fronte [Dici 'sti cosi 'mbaccia a mia?!, dici queste cose al mio cospetto?!] (Privissu)
'Mbamu, 'mbamunu = infame, infame al massimo grado [usato nel linguaggio malavitoso] (Privissu)
'Mbalaccatu = affossato nel fango (Mario Petrassi, organettista)
'Mbaluppa' = mangiare con avidità [usato soprattutto al participio passato 'mbaluppatu, forse dall'italiano avviluppare] (Rosina Giovane)
'Mbarcuna' = travolgere (Natalina Carnevale)
'Mbascia, u = in bassa, in basso ['mbascia furtuna, in bassa fortuna. Altri 'mpaccia, ma in questo caso con significato: di fronte, in faccia](Privissu)
'Mbascia' = fasciare [S'ha 'mbasciat'a capu prima 'i sa ruppi!](Privissu)
'Mbasimatu = stupito, incredulo e preoccupato (Stefano Langella)
Forma corrotta di 'mpusimatu, 'mbusimatu, letteralmente inamidato, quindi irrigidito dallo stupore (Privissu)
'Mbenni = benedire, usato nell'espressione va'ti fa' 'mbenni, va' a farti benedire (Privissu)
'Mbermera = infermiera ['nfermera] (Maria Gitto)
'Mbiernu = inferno (Privissu)
'Mbillittatu = imbellettato (Fernando Ferretti)
'Mbirra'[i roti] = ferrare le ruote dei carri (Umberto Batilde)
'Mbisa' = travolgere, far cadere qualcuno correndo a piedi o con un mezzo, caricarsi un peso (Stefania Chiaselotti)
[Fujia troppu e s'à 'mbisatu nu piccirìddru - S'ha 'mbisatu nu sacch'i farina supr'i spaddri
'Mbiscarinieddru = pulcino ancora implume (Salvatore Avolio)
'Mbranatu = imbranato, persona molto svogliata che non riesce a concentrarsi (Vincenzo Aloise)
'Mbracidutu = fradicio, guasto (Andrea Sarpa)
'Mbrasca' = mettere i sostegni agli ortaggi (Pino Mendicino)
'Mbrasca' = sporcare e anche schiaffeggiare (Privissu)
'Mbrazzu = in braccio [Sugnu 'mbrazz'a 'Maria, sono in una situazione disperata] (Privissu)
'Mbrena' = ingravidare, mettere incinta (Claudio Filippelli)
Il verbo deriva da prena, incinta. Il corrispondente italiano, non più usato, sarebbe impregnare, cioè rendere pregna, termini che oggi si riferiscono solo alla riproduzione di animali (Privissu)
'Mbriacu = ubriaco (Stefania Chiaselotti)
'Mbrilliccata o 'Mbirliccata = ingioiellata [con accezione negativa, birloccu, gioiello enorme e di scarso valore] (Privissu)
'Mbrogliatina = cosa malfatta (Privissu)
'Mbroglie = panni, abiti (Wilma Giovane)
'Mbruamu, 'mbruomu = ingombro, ostacolo, impedimento [detto anche di persona imbranata in lavori collettivi] (Cenzino Rossano)
'Mbruni', 'mbrunatu = imbrunire, è sera ['Mbruona, località di San Marco Argentano sul versante occidentale] (Pino Mendicino)
'Mbrunta = in fronte, a volte confuso con 'mprunta, impronta [Na paddrata 'mbrunta. Sarebbe corretto scrivere 'n frunta] (Privissu)
'Mbrusa', 'mbrusaturu = truffare, imbroglione (Stefania Chiaselotti)
La voce trae origine da 'mbruoglia', con estensione a vruscia', bruciare. Riportata anche dal gergo malavitoso napoletano da segretidipulcinella.it
'Mbrusata, 'mbrusatura = truffa (Stefania Chiaselotti)
'Mbruscina', si 'mbruscina' = trascinare a terra, rotolarsi a terra sporcandosi (in genere riferito a bambini) (Privissu)
'Mbuca', 'mbucatu ('mpuca', 'mpucatu) = infuocare, scaldare, accaldato [letteralmente infuocato] (Privissu)
'Mbuca' a posta equivale a rivelare una notizia che genera grande scalpore, ma letteralmente significa arroventare oltre misura la posta, il chiodo, con cui si ferra il cavallo, provocando così lo scalciamento e l'imbizzarrimento dell'animale! Senz'altro l'espressione dovette nascere in una delle tante officine di maniscalchi! Vedi approfondimento
'Mbuci, 'mpuci = premere, pigiare, insaccare [usato, ad esempio, nel preparare le salsicce, 'mbucia, pigia la carne] (Maria Gitto)
'Mbuddra = bolla, rigonfiamento della pelle (Privissu)
'Mbunni, 'mbusu = bagnare, bagnato (Privissu)
'Mbusaglia = legumi [in romanesco fusaglie sono lupini in acqua e sale, forse il nostro etimo è legato allo stesso concetto: 'mbusu, cioè bagnato, anche se la forma dialettale più diffusa in Calabria è 'mpusaglia, al plurale 'mpusagli] (Franco Di Cianni, alias "Partecipa")
'Mbusimatu, 'mpusimatu = inamidato, anche persona dall'aspetto impettito (Francesco Manieri)
L'immagine della persona impettita deriva dal fatto che chi vestiva elegantemente, cioè con colletto, sparato, e polsini inamidati, assumeva un atteggiamento innaturale dovuto alla rigidità dei tessuti. Dal greco apozema, decotto, da cui l'italiano bozzima, amido. Altrove in Calabria si dice mpuosimatu, inamidato, e puosima, l'amido.
'Meci = invece [Vacci tu, 'meci i mia!, vai tu al mio posto!] (Privissu)
'Mersa, 'mersu = parte rovescia [Alla mmersa, al rovescio] (Privissu)
'Mia' (mmiare) = mandare [Ma mmialu a'fa 'nculu!, ma mandalo a quel paese!] (Privissu)
'Miaru = circa ['miaru 'i cinqu, verso le cinque] (Stefano Langella)
Certamente la voce è una corruzione locale della preposizione mmeru, mmersu cioè verso, presso. Due esempi: Parlava guardannu mmeru (o mmersu) 'a porta, parlava guardando verso la porta - Era arrivatu mmeru Cusenza
'Micciatu = stropicciato, sgualcito (Andrea Sarpa)
'Midia' = invidiare (Privissu)
'Midia, mmidiusu = invidia, invidioso [Ni tieni 'mmidia!, ne hai invidia!!] (Privissu)
S'a 'mmidia fussa graddrara ognunu avia na guaddrara, se l'invidia fosse un'ernia inguinale sarebbero tutti erniosi.
'Milina' = avvelenare [M'ha fattu mmilina' u sangu, mi ha fatto arrabbiare, letteralmente mi ha fatto avvelenare il sangue] (Wilma Giovane)
Pare che risalga ad Ippocrate la convinzione che la collera fosse dovuta ad un eccesso di bile nel sangue. Infatti il colore verde della bile è accostato al collerico: "Verde di rabbia"
'Milinata = arrabbiatura [da 'milina', avvelenare, letteralmente avvelenatura] (Wilma Giovane)
Il sostantivo veleno è vilenu: M'ha fattu piglia' 'nu vilenu, ca 'un tu po' cridi!, mi ha fatto arrabiare cosí tanto che non lo puoi immaginare!
Qui sotto alcune voci che iniziano con doppia MM, per altre vedi più avanti 'M
'Mmiscca', 'mmisccatu = mischiare, mischiarsi, immischiato ['Mmisch'i carte, mischia le carte - 'Un ti c'immisca'!, non immischiarti!] (Privissu)
'Mmita', 'mmitatu = invitare, invitato (Privissu)
'Mmitu = invito (Privissu)
'Mpacchiuse = appiccicate, attaccate (Privissu)
Da noi è usata solo per definire un piatto a base di patate, patane 'mpacchiuse. Altrove è voce comune derivata da mpacchiare, attaccare, appiccicare, da noi corrotta in mpracchiare e 'mpracchiatina, cosa mal fatta, forse per assonanza con pracchia, placca
'Mpaddrucciatu = appallottolato (Piero Gaudio)
'Mpanata = zuppa di pane con siero di latte (Lina Tripicchio)
'Mpapucchia' = raggirare, imbrogliare [Papocchio e Impapocchiare usati anche in italiano] (Privissu)
'Mparu (allu 'mparu) = in piano [Mindati allu 'mparu, mettiti nella parte piana] (Privissu)
'Mpascaracchiu = nudo [di solito con riferimento alla parte inferiore del corpo, altri 'mpiscaracchiu e piscaracchiu] (Anna Lina Spadafora)
'Mpastura' = legare un animale per una zampa (Luigi Di Cianni)
'Mpasturavacche = serpente così chiamato perché si crede che blocchi le zampe delle vacche per succhiarne il latte (Massimo Giovane)
'Mpedi = sotto, in basso, anche in piedi (Salvatore Incoronato)
'Mperiu = impero, ma usato per indicare atteggiamento di comando e superbia (Curatolo Franceschina †)
'Mpicciatu = occupato [Mo' sugnu 'mpicciatu, adesso sono occupato] (Salvino Langella)
'Mpicciu, 'mpiccieru, 'mpicciusu = intrigo o fatto spiacevole, ma anche impegno, impiccione (Privissu)
'Mpiciata = impeciata, in origine impermeabilizzata con pece, tela, tovaglia o altro impermeabili (Privissu)
'Mpiegu, 'mpiegatu = impiego, impiegato (Privissu)
'Mpiernu = Inferno ['Mpiernu, Paravìsu e Prigatòriu. Anche ''nfiernu] (Privissu)
'Mpiettu = in petto [potrebbe scriversi anche 'n piettu] (Privissu)
'Mpingi = trattenersi, ritardare, anche attaccare e restare attaccato, appendere, balbettare (Privissu)
È rimastu 'mpintu a parla' 'cu 'u frati, si è attardato a parlare col fratello
'Mpintu a nu chiuovu, agganciato ad un chiodo
'Mpingia quannu parla, balbetta
'Mpiscaracchiu = nudo [riferito a bambino] (Nonna Ernesta † segnalato da Ninetta de Simone)
'Mpizza' = accendere, talvolta anche infilzare (Privissu)
'Mpizzafuocu = fomentatore, sobillatore (Privissu)
'Mpizzu = sull'orlo, anche figurato ['mpizzu, 'mpizzu, sul bordo estremo, 'mpizz'a scioddra, prossimo al fallimento] (Privissu)
'Mpizzichieddru = bacio sulla punta delle labbra o con un pizzicotto [dal napoletano pezzechillu, pezzettino] (Franco Manieri)
'Mporcaria = in porcheria [È finitu 'mporcaria, disonorato] (Privissu)
'Mpracchia', 'mpracchiatina = incollare, cosa appiccicata, mal fatta. Altrove mpacchia', 'mpacchiatina, 'mpacchiusu (Privissu)
Sputa ca 'mpracchia, azzeccare - Usato anche per suggerire scherzosamente un impossibile incollaggio
'Mprasca', mprascatina = infrascare (in agricoltura) e anche colpire (Ti mprascu a faccia!), lavoro abborracciato (Privissu)
'Mprascata = carro di forma triangolare per trasportare grano, paglia ecc. [forse corruzione di 'nfrascata] (Cosimo Palermo)
'Mprèssa = in fretta [pressa, fretta] (Privissu)
'Mprena' = ingravidare [altrove, nel Cosentino, gli spasimanti occasionali erano chiamati Mprenafinestri] (Privissu)
'Mprisa = impronta, segno (Privissu)
'Mpruenza = influenza (malattia) [Cummogliati ca curra a 'mpruenza. Anche 'nfruenza] (Giuseppe Talarico)
'Mprunta = impronta, anche campione di qualsiasi cosa (colore, stoffa ecc.) [vale anche anche come forma verbale corrotta di 'nfrunta, in fronte: na paddra 'mprunta!] (Privissu)
'Mprunutannu = all'imbrunire (Peppino Giambarella)
'Mpurtiddra' = porre i panni lavati nella sporta [una delle fasi del lavaggio a mano di una volta] (Rosa Avolio), anche fare un occhiello, un'asola (purteddra) (Privissu)
'Mpusagli = legumi [singolare 'mpusaglia, 'mbusagli, forma corrotta] (Peppino Giambarella)
'Mucca' = imboccare, portare alla bocca, mangiare, fare un boccone, credere (Stefania Chiaselotti)
['Mucca u picciriddru, ciba il piccolo - S'à mmuccata, se l'è bevuta - 'Muccati sta purpetta, mangiati questa polpetta]
'Mulica' = avvolgere, aggomitolare [mmulicatu, avvolto] (Stefania Chiaselotti)
'Mulicu, 'muolicu = situazione confusa, gomitolo (Stefania Chiaselotti)
'Mutta', mmuttunu = spingere, spinta [dal latino ad motum] (Massimo Giovane)
'Muttìta = coperta imbottita (Stefania Chiaselotti)
'Mutu = imbuto [mutu = muto](Privissu)
-Ma = suffisso per "Mio, Mia" nelle relazioni di parentela [mio padre, mia zia ecc.] (Privissu)
[Pàtrima, (con màmma non si usa), fràtima, sùorima, fìglima, muglièrma, canàtima, sòcrima, nòrima, jiènnerima, nipùtima, zìjima, (con nonna, chiamata mamma granna, non si usava)]
Maccatùru o Muccaturu = fazzoletto (Rosina Giovane)
Maccarrùni = tipica pasta fatta in casa a tipo bucatini
[Maccarrùni a firrìjattu, fatti con il ferro da calza
Sì pròpiu nu maccarrùni !, sei proprio un tonto] (Luigi Credidio)
Machina = macchina, automobile [a machin'i cusi, macchina per cucire, na machina nova un'automobile nuova] (Privissu)
Machinariu = macchinario, ogni mezzo automatizzato, ma anche, per estensione un insieme di cose complesse (Privissu)
Machineddra = piccola automobile (Privissu)
Machinetta = in genere caffettiera espresso, per indicare altro si usa machineddra (Privissu)
   Don Giuvanni aspetta, aspetta finu ca cula la machinetta ..., da una canzone popolare calabrese
Macinieddru = Macinino per il caffè (Franco Picarelli - Brasile)
Maffia, fa' a maffia = pavoneggiarsi con un vestito nuovo (Peppino Giambarella)
Magara, magaria (pr.:Magàra, magarìa) = fattucchiera, fattùra [anche donna brutta e cattiva. Dal greco] (Massimo Giovane)
Nella foto a lato un "reperto" di vecchie magarie: i resti di un fantoccio, avvolto con fogli di carta su cui si intravedono lettere dell'alfabeto greco, intriso di sangue (animale o mestruale?), legato con fil di ferro e appeso alla finestra di una soffitta (vedi foto)
Magliarieddru = bastone, mazza (Stefano Langella)
Magnuoccu, magnuocculu = particolare presa e legamento della cordicella di lancio nel gioco del formaggio o ruzzola (Francesco Di Cianni - u pitturu)
Maiddra = lungo contenitore in legno, con due piani laterali, per ammassarvi la pasta (Giovanni Tommaso)
'Un c'è pasta 'nta maiddra, indica mancanza di denari, ma anche di intelligenza, capacità ecc. (Simona Avolio)
Ha voglia c'ammassi s'un c'è 'pasta 'nta maiddra!, equivalente al precedente proverbio (Francesco Patitucci)
La parola deriva dal latino magida, vassoio, da cui derivano l'italiano madia, in origine cassapanca con contenitore superiore incavato per impastarvi il pane, e la nostra maiddra (dal siciliano maidda) o majilla, come dicono in altre zone del Cosentino (Privissu)
Maiddrunu = lungo contenitore in legno per lavorarvi il maiale sezionato [sull'etimologia vedi maiddra] (Giovanni Tommaso, Mario Mileti)
Maìsa = profondo solco per far defluire le acque su terreno coltivato [S'ha fattu a maisa avanti, Si è creato un alibi] (Giuseppe Talarico)
Majse = maggese [anche panich'i sulu, Valentino Staffa] (Vincenzo Selvaggi e altri)
Maiu = maggio (Rosa Avolio)
Maiu urtulànu, vìnniti i voia e cumprati u pani
'Un scartà ziti u juovi santu e nun cumprà ciucci u misi 'i maiu (Piero Gaudio)
Maiulìnu = verdone (uccello) (Piero Gaudio)
Malacrianza = cattiva educazione (Privissu)
Malafabbene = malvagio, anche pregiudicato [letteralmente che sa far bene il male!] (Privissu)
Malagarima = deviazione dal bene, cattiveria (Oreste Caparelli)
Esiste nel dialetto calabrese la voce sciarramma, cioè la parte residuale dell'impasto di farina, quella più aderente e incrostata che resta attaccata alla maiddra. Sciarramma, stando all'etimologista e studioso del dialetto calabrese Giovan Battista Marzano, deriva dal greco γαραγμα, garagma.
Un'altra derivazione potrebbe essere data dall'unione delle voci mala e arma o da una sostantivazione di mali e garmati, mal disposti.
Per non dire che per un mugnaio una mala farina sarebbe stata azzeccatissima, salvo poi ad essere corrotta ... dalla mala garima. Una piccola curiosità: il suggeritore, Oreste Caparelli, discende da una famiglia di panificatori! (Privissu)
Malamorte = usata come rafforzativo di un'azione, in eccesso [ha mangiatu, ha gridatu, ... 'i malamorte] (Privissu)
Malanghîchina, malanghîchinèddra = anche Malanchicana, malanchichina, esclamazione di lieve rammarico o rimprovero e anche epiteto affettuoso per birbante, birbantello. In origine cattiveria, furbizia (Privissu)
Malanova = letteralmente, cattiva notizia, malagurio, ma anche qualcosa di enorme [Nu malanova 'i cane] (Wilma Giovane)
Avia nu malanova ..., senza altro riferimento equivale a Priapo
Malaparàta = situazione avversa o sgradita (Privissu)
À bistu a malaparàta e sin'è jiutu!, ha visto che le cose si mettevano male e se n'è andato.
Malarriduttu = malridotto (Privissu)
Malignitudine = malvagità (Privissu)
Maliporcarie (pr.:maliporcarìe) = atti sessuali, incluso l'autoerotismo, per lo più riferiti all'adolescenza (Privissu)
Malupagatùru = insolvente, debitore ritardatario o fraudolento (Privissu)
Malustà = disagio, malessere, star male (Rosa Avolio)
Chiova e malu tiempu fa/ a casa d'autri c'è malustà
U cumpari: Dici a mmia?/ No, cumpà, si vu u mantu ti ni va
Maluvìarsu = quando tutto va storto e anche imprecazione (Tarquinio Iuliano)
Mamma granna = nonna [dal francese grand-maman] (Wilma Giovane)
Mammana = ostetrica (Privissu)
Mammarrognu = personaggio mostruoso per spaventare i bambini (Carlo Ancona)
Mammarulu = legato alla madre, mammone (Privissu)
Mamoziu (pr.: mamòziu) = persona grossa, lenta e goffa, ma anche chi ingombra con la sua presenza (Privissu)
La voce è tratta dal dialetto napoletano ed è abbastanza singolare. Nel Settecento a Pozzuoli fu rinvenuta una statua senza testa, ritenuta la raffigurazione di un console di nome Marvozio. Ricostruita con l'aggiunta di una testa più piccola, fu collocata nella piazza del mercato. Il nome e l'origine, mal interpretati, diedero vita ad un San Mamozio, protettore dei verdurai.
Manchia (pr.: manchìa) = zona non soleggiata (Privissu)
Mancina = la mano sinistra, anche, scherzosamante, la mano delle maliporcarie (Privissu)
Mancinu = mancino, anche contrada di San Marco Argentano confinante con Iotta, raramente usato per indicare zona non soleggiata (Privissu)
Mancu = nemmeno, neppure [si apostrofa dinanzi a vocale: Manc'a pasta, manch'i patani, manc'u vinu. Manch'i cani!, equivalente di mai sia] (Privissu)
Mandrunu = persona grossa, sgraziata e oziosa [vedi anche spalamandrunu, ma l'origine sarebbe landrunu, da lanternone, grosso e ozioso] (Privissu)
Manganieddru = specie di girello in legno (Lina Tripicchio)
Mangia' (riflessivo), mangiuri = prudere, prurito (Wilma Giovane)
Da non confondere con chiurìtu, desiderio, voglia, sfizio, perchè ... mi mangia 'lu culu è una cosa, mi chiura 'lu culu ha tutt'altro significato!
Manganaturu = mangano (Virginia Grosso)
Mangia' = mangiare, riflessivo prudere [Ohi, cumi mi mangia 'cca!, mi prude maledettamente! ] (Privissu)
Mangiatura = mangiatoia [Vascia a mangiatura, mangia di meno] (Wilma Giovane)
Mangiarizzu = forte prurito (Andrea Sarpa)
Mangiuru = prurito [Mi mangia oppure tiegnu nu mangiuru, ho un prurito] (Samuele Pisani)
Mania' (riflessivo) = sbrigarsi, affrettarsi [Maniati! = muoviti! fai presto!] (Privissu)
Maniata = insieme, gruppo, manciata [Na manìata 'i dilinquenti, un gruppo di delinquenti] (Stefania Chiaselotti)
Manicu 'i 'mbrella = manico di ombrello [Usato nell'espressione A Manicu 'i 'mbrella, ubriaco fradicio] (Alfonso Giordano)
Manipula = cazzuola, strumento di lavoro del muratore (Franco Manieri)
Manna, mannusu = secrezione oculare addensata ai lati degli occhi di solito nei bambini o in persone trascurate (Luigi Credidio)
Mannea (mannaia) = mannaggia [quest'ultimo da "mal n'aggia", mal n'abbia - il nostro da "mal n'aia"] (Privissu)
Mannara = mannaia (Andrea Sarpa)
Mannile = fazzoletto avvolto a corona posto sulla testa per caricarvi pesi [anche rituortu, curuna] (Privissu)
Manta = coperta di lana (Rosina Giovane)
Manticettu = mantice (Andrea Sarpa)
Mantinutu, mantinuta = mantenuto/a, amante (Francesco Ammenda)
Mantisinu = grembiule (Rosina Giovane)
Mantu = mantello, tabarro, ma anche aspetto sofferente e malsano (Privissu)
Manzu = mansueto (Privissu)
Manu a mmanu = partita, sfida tra due [dall'espressione spagnola "Mano a mano" riguardante la corrida] (Massimo Giovane)
Mappina = strofinaccio (Tarquinio Iuliano)
Mara mia! = Mamma mia! [lett.:Madre mia, in verità pare sia aferesi di amara] (Privissu)
Maramia! = Madonna mia! [da Maria, madre di Gesù] (Franco Manieri)
Marcia = sostanza purulenta che fuoriusciva dalla ferita infetta dopo la materia (Massimo Giovane)
Mariana = la propria ombra (Carlo Ancona)
Marinuotu, marinota = uomo o donna provenienti da paesi della marina (Privissu)
Mariola o mariuola = tasca interna ben occultata (Franco Manieri)
Marozza = lumaca (Rosina Giovane)
Marpiunu = furbacchione (Stefania Chiaselotti)
Marti = martedì [Di vènneri e di màrti né si spùsa né si pàrti] (Privissu)
Martiddruzzu = martelletto, strumento usato nelle processioni del venerdì santo (Antonio Rogato)
Marvìzzu = tordo (Tarquinio Iuliano)
Maruggiu, marruggiu = manico di un attrezzo (Pasquale Florio)
Marzu = marzo
Si marzu 'ncugna ti fa' cadi l'ugna (Natalina Carnevale)
Si marzu 'ngrugna ti fa' cadi l'ugna (Salvino Langella)
Marzu marzicchiu n'ora chiova e n'atra t'assulicchia (Rosa Avolio)
Marzu fà li juri e aprili si piglia l'unuri (Fiore Maritato)
Mascatura = serratura (Privissu)
Maschettu = fermo per serrare porte o finestre (Privissu)
Maschi = tubi riempiti di polvere da sparo e materiale inerte, forniti di miccia, per fuochi d'artificio (Francesco Manieri)
Mestro fuochista era tal Menotti ("Minotto") Ricca, fabbro ferraio, con bottega su via Duca degli Abruzzi
Mascu = fermo della porta d'ingresso (Antonella Russo nel video La vedova)
Masculu = maschio (... ma se masculu ciuotu o masculune si tratta di femmina !) (Privissu)
Masilicòiu = basilico (Rosina Giovane)
Masticuognu = terra argillosa (Piero Gaudio)
Il nome deriva dall'equiparazione dell'azione di impastare a quella di masticare, quindi malleabile (Privissu)
Màstru, màstr'i scòla = mastro, maestro elementare (Privissu)
Matrìa = matrigna (Privissu)
Màttulu = balla di fieno (Maria Rocco)
Mattunàzzu = mattone di terra e paglia crudo (Tarquinio Iuliano)
Maulu, mavulu = abbattuto, malaticcio (Giuseppe Talarico,Piero Gaudio, Franco Di Cianni, Partecipa)
Mazzacàne = grossa pietra (Amerigo Borrelli)
Mazzacorda = manicaretto con intestino di capretto [anche stigliòla] (Gianfranco Staffa)
Mazzacurdune = manicaretto con interiora di capretto (Carlo Di Cianni)
Mazzica', Mazzicare = masticare (Privissu)
Mazzola = mazzuolo, spesso voce volgare per indicare il genitale maschile (Andrea Sarpa)
Mazzùnu = mazzo di carte da gioco mescolate in maniera disonesta (Privissu)
'Mbuci = insistere, punzecchiare, ma letteralmente significa a 'buci, a voce (Privissu)
Me', mme' = espressione di meraviglia come a dire Guarda! (dal greco) (Massimo Giovane)
Meda oh = espressione dubitativa (Natalina Carnevale)
Forse dall'arabo ما هذا؟ = cos'e' questo? (Paolo Chiaselotti)
Mente = mente (Privissu)
Sostantivo usato anche in talune espressioni con valore rafforzativo
Aviss'a'mente quanti genti su partuti! , Non immagini quante persone sono partite!
À'mente 'i fisca', 'un ti senta!, Puoi fischiare quanto vuoi, non ti sente!
Menzijuornu, mienzijuornu = mezzogiorno (Privissu)
Menzina = mezzena, metà di animale macellato (Privissu)
Merenna = merenda [anche marenna e mirenna] (Privissu)
Merica = America [A Merica du ... lisciu, America del sud, l'America povera"; Miricanu, Americano)
Lisciu non significava ballo, bensì mancanza di soldi: Ci'ana ji lisciu!, non azzardare alcuna pretesa (Privissu)
Me Te = espressione dubitativa (Massimo Giovane)
Mezzanile = mezzanino, ammezzato (Francesco Manieri)
Miannula = mandorla (Andrea Sarpa)
Micci = capelli [scherzoso, come gli stoppini dei lumi] (Stefania Chiaselotti)
Miccia', micciare, micciuliàre = sgualcire, spiegazzare (Rosina Giovane)
Micciu = abito sgualcito, ma anche di scarso pregio e fattura (Privissu)
Micidiante = insinuante (Franco Picarelli - Brasile)
Middràta = pancetta di maiale (Eugenio Di Cianni)
Midùddra = cervello, anche memoria e intelligenza (Stefania Chiaselotti)
Ti fazzu esci a midùddra 'i fora!, ti faccio uscire le cervella!
Mienzu = metà, mezzo [mmienzu, in mezzo, 'i mmienzu, di mezzo] (Privissu)
Miergulu = merlo (Privissu)
Chianu, miergulu, c'a via è pitrusa!, vacci cauto, il percorso è insidioso! chissà che non fosse un'allusione al petrumiergulu, ovvero passero solitario?
Il canto liturgico Tantum Ergo nella vulgata locale delle donne che ignoravano il latino diventava ...Tantu miergulu!
Mieru = circa, intorno a [riferito all'ora, forse da meriju, meriggio] (Giorgio Di Cianni)
Mieru, schietto, mero, nel dialetto salentino è detto il vino. Forse il significato del nostro mieru era col chiarore, di giorno.
Certamente la voce è una corruzione locale della preposizione mmeru, mmersu cioè verso. Un esempio: Parlava guardannu mmeru (o mmersu) 'a porta, parlava guardando verso la porta (Privissu)
Miliju = orniello e frassino (Giovanni Marcella, alias " 'a Guardia ")
Millarda = anatra selvatica (Franco Picarelli - Brasile)
Mindi, misu = mettere, anche nel senso di copulare, messo (Privissu)
Mina' (Minare) = picchiare, percuotere, lanciare, tirare (Privissu)
Ci pu' mina' ccu'na mazza!, espressione per indicare una certezza assoluta, È statu minatu, è stato picchiato - Mina la petra e ammùccia la manu, tira la pietra e nasconde la mano - Mina l'assu!, tira l'asso!
Minatu a teni, contraddetto con vemenza e con argomenti forti (Massimo Giovane)
Minchia = pene, anche interiezione per esprimere stupore [in entrambi i casi volgare] (Privissu)
Minchia muscia, privo di virilità, anche persona poco energica
Minchia du tamarru, asso di bastoni (Beniamino Giambarella)
Minchiunu = sciocco, minchione (Privissu)
Minchionchiara, minghionghiara (alla m.) = in modo approssimativo, raffazzonato (Stefano Langella)
Minnitta = frettoloso, subitaneo [a 'minnitta, subito] (Francesco Manieri)
Minna, minnicuta, minnuzza = mammella, donna con seno abbondante, capezzolo (Luigi Credidio)
Minula = antica misura corrispondente ad un quarto di stuppieddru (Antonio Solamo)
Minzitùmminu, mienzutùmminu = antica misura corrispondente ad un mezzo tomolo (Pino Mendicino)
Minzijuornu = mezzogiorno (Franco Manieri)
Minusciaglia = minuteria di qualsiasi genere, minuzzaglia (anche pasta alimentare) (Pino Mendicino)
Miricanu = americano [Merica = America] (Privissu)
Mirija, Miriju, Miriggiu = ombra (degli alberi a mezzogiorno)
   [piecuri allu miriggiu, pecore all'ombra]    (Salvatore Incoronato)
Mirimaglia = ragnatela (Maria Antonia Gitto)
Misale = tovaglia [dal greco] (Massimo Giovane)
Misca' = mischiare [Misca' i carti, mischiare le carte da gioco] (Franco Picarelli - Brasile)
Miscamicciu = curioso, ficcanaso (Franco Picarelli - Brasile)
Miscammicci = da mis_sca', mischiare, ma anche inserire, quindi inseriscimi, fammi entrare nel gioco o altra piacevolezza (Franco Avolio)
Misc-misc, misci'ddra' = voci per chiamare e allontanare un gatto [misciu, misciuzzu, gatto. Sc palatale di scena] (Massimo Giovane)
Misuracu, misuraca = bagolaro, frutto del bagolaro [alberi per lo più piantati in prossimità di conventi, da bacula, piccola bacca con cui si facevano le coroncine del rosario (Enrico Iaccino)
Mitieri = mezzadria (Franco Picarelli - Brasile)
Miuolu = mozzo reggi raggi della ruota del carro (Franco Credidio)
Mizzica = esclamazione di meraviglia (di origine siciliana con significato simile a minchia) (Pino Mendicino)
Mo' ci vo'! Moccivo' = Capita a proposito! è proprio il caso. Sostantivo: impiccione [È na moccivò, è una donna impicciona e saccente] (Wilma Giovane)
Mocivo' vi'! = Ma guarda un po'! (Giuseppe Talarico)
Moddrarulu = la fontanella (parte molle del cranio) dei neonati (Stefano Langella)
Moglia = tela di canapa per conservare frutta per l'inverno (Anna Rosa Avolio)
Mommò = spauracchio per i bambini (Privissu)
Monaceddra = fungo porcino (Candeloro Modaffari)
Morga = morchia, parte melmosa prodotta dalla decantazione dell'olio d'oliva (Franco Picarelli - Brasile)
Motu = moto, convulsione [Ca ti vo' piglia' nu motu!, che ti vengano le convulsioni!] (Privissu)
Mpiernu = inferno (Privissu)
Mubbiu = anestesia [ammubia', anestetizzare; altri mupiu, ammupia', oppio] (Rosina Giovane e altri)
Muca', Mucatu = ammuffire, ammuffito, che ha formato muco (Privissu)
'Mucca', 'muccatu = imboccare, imboccato (Privissu)
Mucciuna [alla m.] = di nascosto [Aferesi di Ammucciuna] (Privissu)
Muddretta = pinza per rimuovere brace o legna (Franco Picarelli - Brasile)
Muddrìca, muddrìcaru = mollica, cumulo di molliche (Privissu)
Muddriare, muddria' = temporeggiare, prendere tempo, rinviare le decisioni o le cose da fare (Franco Manieri)
Muddrùri = tempo umido (Pino Mandicino)
Muffia = aria umida e sciroccosa [pr: muffìa] (Privissu)
La voce deriva probabilmente dall'arabo e indicava luoghi aquitrinosi e umidi e anche la pianta della malva. Forse non molti sanno che proprio da questa pianta dell'antico Egitto derivano quei dolcetti molli oggi noti come marshmallow. Insomma quel molliccio ... dell'aria c'è anche nei "dolcetti degli dei del Nilo"
Mugliera = moglie [Iu risparmiu muglierma 'ntu liettu e l'atri sa fricanu 'nti troppe] (Anonimo)
Mulanciana = melanzana [Purpett'i mulanciani, polpette di melanzane] (Stefania Chiaselotti)
Mulitura = parte che spetta al frantoio dalla spremitura delle olive (Vincenzo Aloise)
Mulogna = tasso [animale] (Ernesto Modaffari)
Mungrassanuotu = nativo di Mongrassano (Privissu)
Munna' = sbucciare [da mondare, pulire] (Pino Mendicino)
Munta = irrefrenabile impulso sessuale, libidine, ma anche rabbia che offusca il cervello (privissu)
Muntunu = montone, maschio della pecora, ma anche persona scostante ed inetta (Privissu)
La capacità amatoriale del montone e del caprone non sono presi in considerazione dai maschi calabresi, che preferiscono paragonarsi a 'nu verru e a 'nu tauru, per la loro potenza, o al limite a nu gaddru per il richiamo all'essere dominante.
Al pari del montone anche il cugino caprone, 'u zimmaru, non è affatto simbolo di virilità, quanto piuttosto sinonimo di lurido e puzzolente.
Muntura = brutta cera, aspetto sofferente di una persona [stamattina tieni na MUNTURA!] (Franco Manieri)
Interessante la voce segnalata dal signor Manieri. Essa deriva da MONTURA, ovvero divisa militare o collegiale.
Una brutta montura indicava, quindi, un aspetto malandato.
Munzieddru = cumulo [dal francese moncel] (Massimo Giovane)
Mùoddru (moddra) = morbido (Ruggiero De Rosa)
Mùortu = morto [Nunn'ha adduvi cadi muortu, non possiede nulla] (Franco Picarelli - Brasile)
Muorvu, murvusu = muco, moccioso (Giuseppe Talarico)
Mupiu = malocchio, quasi ipnosi [ammupiatu, chi ne è vittima] (Francesco Manieri)
Muranuvètte = more selvatiche (Tarquinio Iuliano)
Il termine in uso a San Marco Argentano è una corruzione di mura 'i ruviettu, cioè more di rovo (Fernando Ferretti)
Murfuognu = chi parla con suoni nasali [deriverebbe dal tedesco, con significato di bocca, poi di muso (vedi smorfia)] (Privissu)
Murfusu = moccioso, con muco che gli fuoriesce dal naso [muco=muorvu. Si dice anche murvusu] (Privissu)
Murivusu = bambino povero, indigente, male accudito con il nasino colante di muorvu (Franco Manieri)
Murmuria', murmuru = mormorare, borbottare, borbottio (Privissu)
Espressione usata nei confronti dei brontoloni: Va ti cumpra nu sordu 'i murmuru, vatti a comprare un soldo di borbottio
Murra, murriana = grande quantità, tante persone, anche il gioco della mora o morra [di solito in movimento] (Privissu)
Nel gioco della mora si dice murra per indicare dieci dita, cioè la massima quantità
Murricula, murriculusu = capricci, capriccioso, anche schizzinoso [dal greco con riferimento all'etimo infantile] (Privissu)
Murrunu = persona chiusa, scontrosa (Privissu)
Mursieddru = colazione del bracciante (Giovanni Tommaso)
Murtiddra = mirto (Pino Mendicino)
Murtuoriu = mortorio (Privissu)
Muschi = spalle, muscoli superiori esterni delle braccia (Piero Gaudio)
Muschia' = mantenere il silenzio [con riferimento ad una notizia riservata) (Massimo Giovane)
In italiano abbiamo qualcosa di simile:
"Zitto e mosca!" e "Non si sente volare una mosca" per indicare il silenzio assoluto
Muschiddra = tipo di strummulu (trottola) molto silenzioso (Massimo Giovane)
Musciaria = lentezza, indolenza, anche mancanza di brio, di allegria (Privissu)
Musci'te = voce di richiamo per gatti (Privissu)
Musciu = lento, moscio, molle [Minchia mùscia, persona poco energica] (Privissu)
Musciuzzu, misciuzzu = gattino (Privissu)
Mussarola = museruola (Privissu)
Mussia', mussiare = storcere il muso, far qualcosa di malavoglia (Fernando Ferretti)
Mussu = labbra e per estensione bocca [U russu vena du mussu, il colorito sano viene da ciò che mangi] (Salvino Langella)
Mustarda = marmellata [in genere d'uva] (Franco Picarelli - Brasile)
Mustu = mosto
Mustu cuottu, durante la vendemmia una piccola quantità di mosto è separata e cotta prima dell'inizio della fermentazione, ottenendo, così, un delizioso sciroppo d'uva al naturale (Franco Picarelli - Brasile)
Mutanna = abito da uomo (Salvina Tommaso)
Muticuognu = taciturno [coniato sull'assonanza con masticuognu, argilla] (Fiore Maritato)
Mutichia' = agitarsi, muoversi nervosamente (Maria Gitto)
Muttette, Muttittusu = moìne, chi fa moine [da Mottetto] (Privissu)
Mutu = muto, imbuto [imbuto andrebbe scritto 'mutu in quanto aferesi di immutu non usato] (Privissu)
Mutusurdu = sordomuto, ma anche taciturno, solitario (Privissu)
Muzzica', Muzzicare, mùzzicu o muzzicùne = mordere, morso (piccolo o grande, sostantivi) (Rosina Giovane)
Si muzzica' 'i mani, mordersi le mani, provare invidia, rabbia
S'è muzzicàt'i mani quannu ha saputu ca fìglima s'era spusata
Mùzzu = mozzo, usato anche per indicare gli ultimi giorni del carnevale (Privissu)
Muzzune = pezzo di tronco d'albero tagliato (Rosina Giovane)
Muzzunu = cicca di sigaretta (Franco Manieri)
Un tempo dai muzzuni, trovati a terra da ragazzi a corto di soldini, veniva tolto il tabacco residuo e riavvolto nelle carteddre, fodere di foglie di mais (Franco Manieri)


N
na = suffisso rafforzativo di zia [Ziàna, la zia] (Privissu)
Naca = culla [annaca', cullare] (Privissu)
Naza' = albeggiare [anche Sta' faciennu u'occhii] (Arcangelo Tommaso)
Le due espressioni potrebbero derivare dall'arabo: la radice NZR (ن ظ ر) è all'origine di parole legate a occhi (Privissu)
'Naita = impalcatura, ponteggio [grupi 'i 'naita, buchi nel muro nei quali si infilavano i travi a sostegno delle impalcature] (Tarquinio Iuliano)
div class="indent">Forse idiotismo dell'italiano andito, tramunato in ànnito, ànnita
Nanna, nannu = nonna, nonno [nannuzzu, nonnino] (Pino Mendicino)
Na ntìja = un poco (Salvina Tommaso)
Nasca, nascarìeddri = narice, ma anche naso, narici (Privissu)
Nasca = formazione fungina a mezzaluna sui tronchi (Peppino Giambarella)
'Naspru = glassa di zucchero e bianco d'uovo (Privissu)
Natìlia = moscardino, piccolo roditore (Privissu)
Naticchiula = Legno girevole per chiudere porte, ante e imposte (Virginia Grosso)
Natra, natru = un'altra, un altro [andrebbero scritti 'n'atra e 'n atru] (Privissu)
Natrèddra = anatra (Salvina Tommaso)
'Ncacanatu = accovacciato (Privissu)
'Ncafurchiatu = curvato, raccolto su se stesso, ncopanatu [altrove caforchia = tugurio] (Privissu)
'Ncaloscia = a cavalluccio sulle spalle (Annalisa Martino)
'Ncalumatu, 'ngalumatu = accaldato [usato a Mongrassano, corruzione di 'ncaluratu] (Maria Antonia Gitto)
'Ncamatu, incamatu = affamato (Privissu)
Nonostante l'apparenza si tratta di voce dotta, derivata dal latino camus, capezza, morso, museruola, usata anche da Dante. Quindi, nel nostro caso, tenuto a freno per impedirgli di mangiare. Ma il Marzano ne dà un'altra versione: il termine significa ammaliato, incantato, per cui anche con la bocca aperta, quindi affamato, facendolo derivare dal verbo 'ncamari e a sua volta derivato dal greco "χαινω"
'Ncappeddra = moribondo (Rosina Giovane)
'Ncapunutu (p.p.) = incaponito, ostinato [S'è 'ncapunutu, si è incaponito] (Franco Di Cianni, alias Partecipa)
'Ncarica' = farsi carico, incaricare, preoccuparsi (Tarquinio Iuliano)
La voce più usata è la terza persona singolare del presente indicativo nelle forme negative 'Un ti ni 'ncarica' oppure 'Ncaricatinni, le quali a seconda del tono di voce possono significare Non preoccuparti, fregatene oppure Bada a te! Questa me la paghi!. In genere l'espressione era accompagnata dalla mano puntata verso l'interlocutore, con il medio, l'anulare e il mignolo uniti, e il pollice che tratteneva l'indice quasi pronto a scattare.
(Tarquinio Iuliano)
'Ncarcagnatu = senza collo, con la testa affondata nelle spalle (Stefania Chiaselotti)
'Ncarnare = entrare nella carne, essere attratto fino a dipendenza ['Ncarnatu allu jiuòcu, dipendente dal gioco] (Privissu)
Notare le due espressioni: Pilu 'ncarnatu e 'Ncarnatu allu pilu di cui si possono facilmente intuire i significati (Privissu)
'Ncarra' = azzeccare, indovinare (Privissu)
L'origine del vocabolo incarrare è molto antica. Significava mantenere le ruote del carro nei solchi prodotti sulle strade dal transito ripetuto dei mezzi di trasporto
'Ncasa' = comprimere cose stipandole entro un vuoto (Privissu)
'Ncattura' (riflessivo: Si 'ncattura') = impigliarsi (Rosina Giovane)
'Ncavarcatu = accavallato [niervu 'ncavarcatu] (Fernando Ferretti)
'Ncera 'ncera = in faccia [dal greco kara testa. Mi guardava 'ncera 'ncera!, mi guardava fisso in faccia!] (Rosina Giovane)
'Nchiaccàre = prendere col cappio ['nchiaccacàni, accalappiacani] (Privissu)
'Nchiafratu = maldestro, imbranato (Oreste Caparelli)
'Nchiàmba o 'Nghiàmba = frittella con acqua, farina e sale, anche donna insignificante (Massimo Giovane)
'Nchianàre = salire (Privissu)
'Nchiaratu o Gnìaratu = schiarito, limpido (Lina Tripicchio)
'Nchiarìtu = ubriaco (Privissu)
'Nchiàsma, 'nchiàsmu = impiccione, chi si mette in mezzo [non più usato] (Franceschina Curatolo †)
'Nchiastìddru = ragazzino (Virginia Grosso)
'Nchiastru = impiastro (Maria Rocco)
'Nchiatràre, 'nchiatràtu = gelare, quasi congelato dal freddo (Piero Gaudio)
Chiatra = lastra, quindi diventare come una lastra di ghiaccio (Privissu)
'Nchiattàre = ingrassare (Rosina Giovane)
'Nchiumma' = uccidere con palla di piombo (Stefania Chiaselotti)
Chiummu, piombo. Il participio passato 'nchiummàtu definisce un cibo non digerito
[Chiri fasùoli si su 'nchiummàti allu stòmmacu, quei fagioli mi hanno bloccato la digestione] (Stefania Chiaselotti)
'Nchiuva' = inchiodare [anche metaforicamente con riferimento a supremazia su qc.] (Privissu) Uno scioglilingua:
'nchiuva' chiuovi chiuviennu
'Nciavulutu = intontito (Francesco Ammenda)
'Nciènzu = incenso (Privissu)
'Ncigna' = cominciare (Privissu)
'Ncinaglia = rigonfiamento di una ghiandola [generalmente del collo] (Angiolino La Falce)
Probabilmente si tratta della zona inguinale, anticamente detta inguinaglia, anguinaglia (Privissu)
'Ncinanga = bulimia degli animali {per evitarla si tagliava loro l'estremo della coda] (Piero Gaudio)
'Nciqquaglia', 'nciqquagliatu = adornare, adornato in maniera esagerata (Privissu)
'Ncirata = tela cerata, tovaglia e telo plastificato (Privissu)
'Nciutisci, 'nciututu = instupidire, instupidito, abbindolato (Privissu)
S'era fattu 'nciutìsci di paròli sua - Ti sì 'nciutùtu?
'Ncopanatu = incavato, magro e curvo (Stefania Chiaselotti)
'Ncricca' = anche accavallare [Avia 'ncriccat'i gammi, aveva accavallato le gambe] (Privissu)
'Ncriccatu, ammanicato, legato ad una o più persone per vantaggi personali. Da cricca.
'Ncudinudu = nudo (Anna Lina Spadafora)
'Ncriscimugna = svogliatezza (Maria Antonia Gitto)
'Ncrisciusu = svogliato, persona a cui il fare rincriscia (Privissu)
'Ncufudratu = insaccato (Virginia Grosso)
'Ncugna' = picchiare, conficcare con martello o mazza, anche copulare energicamente (Tarquinio Iuliano)
Si marzu 'ncugna / ti fa cadi l'ugna, il freddo di marzo può congelarti le mani (Natalina Carnevale)
'Ncuji = pressare per far entrare, anche sopportare, reprimere [p.p. 'Ncuttu] (Privissu)
'Ncuttu 'ncuttu, stretto, ben pressato - Tutti 'ncutti, addossati uno all'altro - 'Ncuju, 'ncuju, finu c'ancunu juornu l'affucu, sopporto, sopporto, fino a quando qualche giorno lo strozzo (Privissu)
Curciu, 'ncuttu e male cavatu, piccolo, grassoccio e malamente nato
'Nculu! = espressione volgare usata come interiezione (Privissu)
'Nculunudu = senza abiti, nudo (Privissu)
'Ncunucchiatu = inginocchiato (Stefano Langella)
'Ncunnatu = irretito da una donna da non ragionare (Peppino Giambarella)
'Ncuoddru = addosso, sulle spalle, anche a carico [letteralmente: in collo] (Privissu)
'Ncupa', 'ncupatu = rintanarsi, rintanato [anche 'ngrupa', 'ngrupatu] (Privissu)
'Ncutugna' = picchiare, prendere a botte (Stefania Chiaselotti)
'Ncuvirchia' ('ncuverchiare) = mettere il coperchio, coprire (Privissu)
'Ndimbiatu = sordo, assordato, sordastro, intontito (Ercolino Occhiuzzi)
'Ndolagrisimu = enteroclisma (Stefano Langella)
Si tratta di una delle più "belle" voci sammarchesi, che in forme diverse, tipo 'ndoracrismu, 'ndirucrisimu, ndurugrisma, e via storpiando in decine di metaplasmi, indicava quell'antico strumento in vetro (vedi immagine in alto a lato), munito di lunga cannula in gomma e beccuccio con rubinetto, entro il quale si metteva acqua calda e sapone o altro emolliente, usato per via anale nei casi di stipsi, dolori al ventre ecc. L'oggetto, in seguito sostituito dal più pratico clistere a pompetta (da cui l'epressione triviale ma va ti fa' na pompa), veniva appeso in alto rispetto al paziente e il beccuccio infilato nell'ano in modo che l'acqua calda con gli emollienti potesse defluire copiosamente e lentamente nell'ultimo tratto dell'intestino. Forse era proprio il pensiero di tale tormento curativo ad accostare il nome dello strumento ora all'idea del non dolere ('ndola), ora alla durezza del trattamento ('nduru), ora alla collocazione del beccuccio ('ndiru). La mutazione consonantica di clisma in crisma trova facile spiegazione fonetica, tuttavia il fatto che alla broda d'occasione spesso si aggiungesse olio, universalmente ritenuto benefico per il corpo e lo spirito, potrebbe spiegare ulteriormente l'attecchimento di questa difficile parola nel dialetto sanmarchese e le sue vicissitudini fonetiche. (Privissu)
'Ndreca 'ndreca = lentamente [in uso a Cervicati] (Giuseppe Mollo)
Nèglia = nebbia, ma anche nuvola [neglia terrana, nebbia - Ti vo' piglia' na neglia!, che tu possa scomparire!] (Privissu)
U lupu va truvannu neglia terrana e cuoscu 'ncuttu, il lupo vuole nebbia e vegetazione fitta (Giuseppe Talarico)
Quannu i negli vanu alla manchia/ piglia a zappa e sbia/ Quando le nuvole vanno a ponente vai pure a zappare
quannu venanu du Pitturutu/ piglia a zappa e valla 'ngrupa quando vengono dal Pettoruto scordati di zappare (Giovanni Tommaso)
Negliarìzzu = nebbia che sta per calare sempre più intensa (Luigi Credidio)
'Nenna o nennè = mammella [forma sillabica per bambini] (Privissu)
'Nestra = eccetto, all'infuori di [in extra] (Rosina Giovane)
"Nnestra i mia, tutti l'atri su gnuranti!, all'infuori di me, tutti gli altri sono ignoranti!" afferma il presuntuoso
'Nfiernu = inferno [anche 'mpiernu] (Privissu)
'Nfirmera = infermiera [anche 'mpirmera] (Privissu)
'Nfitta' = infittire ['nfitta' 'cu frasche] (Cosimo Palermo)
'Nfruenza = influenza [Anche 'mpruenza] (Privissu)
'Ngaddrufata = pasta di dolce con formazione di zone callose per mancanza di lievitazione (Stefania Chiaselotti)
Ngacalinaci = ?!
riportiamo questa voce, della cui scrittura e dizione non siamo certi, usata per mandare a quel paese chicchesia. La voce potrebbe variare in altre forme per assonanza, del tipo 'ncacalinaci e simili (ricordo di Rosa Avolio, voce detta dalla nonna Nominata Terranova Domanico e da altri anziani)
'Ngaglia = vedi gaglia (Rosina Giovane)
'Ngagliàtu = panno sporco resistente ad ogni lavaggio (Rosina Giovane)
'Ngaddratu = in stato di dispnea, incapace di emettere espellere l'aria e di emettere suoni (Maria Gitto)
'Ngaglioscia (pr. 'Ngagliòscia) = a cavalcioni sulle spalle (Tonino Canonico)
'Nganna = in gola (Stefania Chiaselotti)
Avi' u grassu 'nganna, essere ricco e soddisfatto
'Ngarra' = azzeccare, indovinare, riuscire [opposto di sgarrare, fallire] (Rosina Giovane)
Il sito vesuviolive.it, che si occupa egregiamente di cultura napoletana, spiega che la voce deriverebbe da incarrare, ovvero portare le ruote del carro sui solchi lasciati lungo le strade lastricate da transiti secolari, e all'opposto sgarrare uscirne fuori
'Ngascia = argine (Riccardo Formoso †, riferita da Italo Avolio)
'Nghiamba o 'Nchiamba = frittella con acqua, farina e sale, anche donna insignificante (Massimo Giovane)
'Nghianchia', 'njianchia' = imbiancare (Privissu)
'Ngiru = in giro, lungo la circonferenza (Stefania Chiaselotti)
"Prendere in giro" si dice piglia' 'pi fissa, fissia'
Mangia' 'ngiru 'ngiru, mangiare dal bordo del piatto
'Nginaglia = tonsille [vedi anche'Ncinaglia, intorno] (Angelo La Falce)
'Ngnimma' = imbastire [anche 'nijima', njuma'] (Maria Antonia Gitto)
'ngnimmatura = imbastitura, altrove gnimma (Maria Antonia Gitto)
'Ngrugna' = mostrare i denti (Salvino Langella)
Si marzu 'ngrùgna / ti fà càdi l'ùgna, il freddo di marzo può congelarti le mani. Da questo deriva sgrugna' 'u mussu, rompere il muso
'Ngrupa', 'ngrupatu = imbucare, mettersi in luogo molto stretto o nascosto, isolarsi [S'è 'ngrupatu dintra e nu' 'vo esci, Se ne sta chiuso in casa] (Privissu)
'Nguida' = organizzare, dirigere (da guidare) [Cumpa 'Sbardu ha 'nguidatu tuttu adduvi Sarvaturu c'avia fattu u puorcu, Compare Osvaldo ha diretto tutta l'organizzazione per l'uccisione del maiale a casa di Salvatore] (Piero Gaudio)
'Nguientu = unguento [altri ugguientu, 'guientu. 'Nguìentu alla guaddrara, rimedio inefficace] (Privissu)
'Nguma', 'ngumatu = comprimere, compresso (Stefano Langella)
'Nuglia = salame di fegato di maiale [tapp'i nuglia, persona insignificante] (Rosina Giovane)
'Nucente, 'nnucente = innocente (Privissu)
ni = suffisso paragogico di affermazione, negazione e del pronome relativo chi [Sìni, nòni, chìni, si, no, chi] (Privissu)
Nianu = tacchino, da "indiano", cioè gallo d'India (Privissu)
L'origine geografica dell'animale era l'America del Nord, ritenuta fin dalla sua "scoperta" l'India. Attraverso i dialetti del nord anche in italiano era chiamato dindo, negli Stati Uniti lo chiamano turkey, turco, e in Portogallo e in Brasile è peru! Insomma un animale ... apolide.
Niepiteddra = nepitella, mentuccia (Barbara Fasano)
Nigliu = falco (Francesco Ammenda) - nibbio (Andrea Sarpa)
Niervu = nervo (Stefania Chiaselotti)
Nimula = arcolaio [per il suo movimento rotatorio spesso e riferito a persone o moti vari] (Arcangelo Tommaso)
Ninnu = piccino, bambinello (Privissu)
Nive, niva = neve [Alla squagliàta da niva si vidanu i strunzi!] (Franco Picarelli - Brasile)
Nivura, nivuru = nera, nero (Privissu)
Ca vo' bini' cchiù nivura da menzannotte!, auspicio di un evento funesto
Nocca = fiocco (Virginia Grosso)
Noni = noni: espressione rafforzativa del no, usata talvolta in modo polemico (Massimo Giovane)
Nora = nuora (Rosa Avolio)
Tanto vo' stà socrima a palazzu
quantu dura a niva 'i marzu!
Tantu vo' rimani norima allu casinu!
quantu dura a niva ad aprilu
Nova = nuova, notizia [ mala nova, bona nova] (Annalisa Martino)
Quannu aspittava littiri e turnisi
arriva la nova ca chiantavi puorri!

Aspettavo lettere e soldi e mi arriva la notizia che piantavi cipolle!
'Nquarta', 'nquartatu = ingrassare, ingrassato [aumento dei due quarti inferiori] (Privissu)
'Nsecula 'nsecula = si diceva quando due persone portavano qualcuno, a mo' di gioco, seduto sulle loro braccia [dal latino In sæcula sæculorum] (Massimo Giovane)
'Nsinu = in grembo (Annalisa Martino)
'Nsivatu = sporco di grasso (Tarquinio Iuliano)
'Nsurtu = ictus [Dall'italiano insulto. Anche 'Nzurtu. L'è pigliàtu nu 'nsurtu] (Barbara Fasano)
'Nsusta, 'nsustu = a noia (Rosina Giovane)
'Nta, 'ntu, 'nti = nella, nel, nei, nelle [preposizioni articolate] (Privissu)
'Ntacca = segno inciso, tacca, unità generica di misura (Privissu)
'Ntarchia','ntarchiatu = ingrassare, prendere peso, ingrassato (Privissu)
'Ntargiatu = sporco [usato a Mongrassano] (Maria Antonia Gitto)
'Ntantaratu = rimbambito e con difficoltà di movimenti [riferito generalmente a persone anziane] (Privissu)
'Ntartaratu = pieno di tartaro, sporco, ma anche affetto da sinusite cronica (Massimo Giovane)
'Ntartieni = l'atto di intrattenere, quindi trastullo o passatempo (Rosina Giovane)
Un tempo si mandavano i bambini da altra persona chiedendo un po' di 'ntartieni ... cioè nient'altro che essere trattenuti!
Altre forme di 'ntartieni erano le filastrocche con domande rivolte ai piccoli impazienti di mangiare anzitempo ciò che la mamma cucinava. Quella che segue era stata creata per distogliere i piccini dal desiderio di mangiare la frittata:
Fritta, frittata,
quanti corna tena a crapa?
Due! - rispondeva il bambino.
E si tria aviesi dittu
a frittata era già fritta.
Fritta, frittata,
quanti corna tena a crapa?
Tre! - rispondeva questa volta il bambino.
E si quattru aviesi dittu
a frittata era gia fritta.
...
Quando era pronta, il numero detto dal bambino coincideva finalmente con il numero delle corna della capra!
Mo' ca tanti corna ha dittu, a frittata è pronta e fritta!
'Ntiarzu = divaricazione alternata dei denti di una sega (Beniamino Giambarella)
'Nticchia = poco [aferesi di tanticchia] (Privissu)
'Ntiddru = pulito, azzimato [usato per lo più nell'espressione 'Ntiddru, 'ntiddru, per indicare abbigliato in maniera inadatta al lavoro] (Stefano Langella)
La voce potrebbe derivare dall'aferesi del napoletano tantillo che indica qualcosa di molto piccolo, accostatata per similitudine all'essere aggraziato
'Ntimpunatu = buttato in un fosso, timpunu (dicesi generalmente di animale o carcassa di animale morto) (Beniamino Giambarella)
'Ntinna' = tintinnare, emettere un suono metallico [Senta cumu'ntinnanu si sordi!, senti come tintinnano queste monete!] (Privissu)
'Ntinnula = trave verticale usata nelle costruzioni per sorreggere altri sostegni (Stefano Langella)
'Ntippa' = tappare (Privissu)
'Ntippulu = tappo [Tappu significa pezzetto] (Privissu)
'Ntisa = udito (Privissu)
'Ntisicatu = irrigidito per troppo freddo o per morte (Amerigo Borrelli)
'Ntraina = abbondanza di frutti caduti da un albero (Michele Guaglianone)
'Ntramatu lascu = persona sospetta che maschera un proprio coinvolgimento (Rosina Giovane)
    [usato impropriamente per indicare persona ammalata o in cattive acque]
'Ntramente, 'ntramenti = mentre, nel frattempo (Privissu)
'Ntripitatu, 'ntrippitatu = impedito nei movimenti [a San Marco. Altrove participio passato di 'ntripitare, interpretare] (Privissu)
'Ntrizza' = intrecciare [Maliditta chira trizza ca di vennari si 'ntrizza] (Barbara Fasano)
'Ntrocchia = usato solo nell'espressione figli'ntròcchia, furbacchione [dal dialetto napoletano] (Privissu)
'Ntruglia', 'ntrugliatu = ingrassare, ingrassato [vedi trugliu] (Privissu)
'Ntruogliu = parola di difficile interpretazione usata nell'espressione [forse grasso]
'u juornu 'ntrougliu 'ntrougliu e la sira strudimu l'uogliu ! (Franco Manieri)
'Ntruna', 'ntrunatu = intronare, intronato [è voce italiana] (Privissu)
'Ntruppicàre = inciampare (Rosina Giovane)
'Ntruzza', 'Ntruzzàre = far toccare i bicchieri per il brindisi e anche lieve tamponamento tra automezzi (Privissu)
'Ntruvula', 'ntruvulatu = intorbidire, intorbidito [truvulu = torbido] (Privissu)
'Nturcinica' = attorcigliare (Privissu)
'Ntuornu = intorno ['Ntuornu 'ntuornu] (Privissu)
'Ntusta', 'ntustatu = indurire, indurito [anche erezione] (Tarquinio Iuliano)
'Ntuppu = spesso, grosso (Stefania Chiaselotti)
'Ntuttu = del tutto, completamente ['ntuttu 'ntuttu] (Privissu)
Nu = suffisso rafforzativo di zio (in origine per indicare un nostro zio) [Zianu, lo zio] (Privissu)
Nuci 'i cuoddru, nuci'u cuoddru = letteralmente nuca, tra il capo e la prima vertebra cervicale, ma volgarmente è così chiamata la testa ingrossata del pene
(La seconda espressione appresa da un colloquio tra G.Cipolla e A. Piraino)
L'espressione frequentemente usata Tra capu e nuci'i cuoddru indica la parte del corpo umano su cui abbatte un colpo letale

Il signor Franco Manieri ci ricorda anche che l'espressione veniva usata per sollecitare l'invio o l'esecuzione di qualcosa: M'arraccumannu ... Nuce 'u cuoddru!, che significava un precipitarsi a rotta di collo nel portare a termine un dato compito.
Nucivulu = nocivo (contrario di benevolo) (Stefania Chiaselotti)
Nuglia = salciccia di seconda scelta [Tappu 'i nuglia, persona di poco valore](Privissu)
Numinata = nomea, fama [dal latino. Mala numinata, cattiva fama] (Privissu)
Nuoffu = cresta iliaca (Massimo Giovane)
Nuozzulu = nocciolo dei frutti e anche, in senso figurato, cosa difficile da digerire (Stefania Chiaselotti)
[S'a'davutu gliutti u nuozzulu!, ha dovuto ingoiare il rospo - Con lo stesso significato è usato il frutto della prugna, Prunu]
Nu stierzu = l'altro ieri (Salvina Tommaso)
Nz = verso vocale, prodotto dallo schiocco della lingua e accompagnato dall'alzata delle sopracciglia, per negare qualcosa (Massimo Giovane)
'Nzalanutu = senza più senno [di solito a causa di età avanzata] (Stefania Chiaselotti)
[lunatico, dal greco Selene, luna, quindi "Toccato dalla luna"] (Massimo Giovane)
'nzavarda', 'nzavardatu = inzaccherare, sporco [anche azzavardatu] (Pino Garaglio)
In italiano esistono Inzafardare e ingifardare, composti di farda, sputacchio, ma anche colore o miscuglio che copre i difetti
La voce è abbastanza interessante perché esprime il concetto di sporco che tende a coprire, quindi a mascherare ciò che c'è sotto. Ci si poteva 'nzavarda' involontariamente, ad esempio col sugo della pasta, o volontariamente sputandosi sulle dita intrise di qualche sostanza. La voce fard, il fondotinta, ha lo stesso etimo. Se dovessimo definire un eccesso di fondotinta per mascherare le profonde rughe del volto potremmo ben dire: A faccia era tutta 'nzavardata!
'Nzerta = buona qualità di castagna ['nzertare, innestare] (Tarquinio Iuliano)
'Nziccàri = infilare (Amerigo Borrelli)
'Nzifrignatu, azzifrignatu = infreddolito, che cerca il calore del sole (Fernando Ferretti)
Il signor Fernando Ferretti ci ricorda che un nostro anziano concittadino era soprannominato 'U zifrignu, da lui ricordato per l'abitudine di stare spesso al sole
'Nzinifìni = senza fine (Gigino De Paola)
'Nzilardatu = unto di lardo e grasso dopo aver mangiato pietanze di maiale!! (Franco Di Cianni)
'Nzilicatu = bagnato e sporco (Fernando Ferretti)
'Nzita', 'nzitu = innestare, innesto, ma anche lavorare con la setola del maiale (Pino Mendicino)
'Nziva', nzivatu = ungere, unto di olio o grasso (Rosina Giovane)
'Nzugna = sugna [dal latino axungia. Altri 'nsunza, 'nzunza] (Massimo Giovane)
'Nzunza = lo stesso di 'nzugna (Maria Antonia Gitto)
'Nzunzatu = unto, sporco [(Amerigo Borrelli)
'Nzura', 'Nzuratu = sposare, sposato (Privissu)
Ave Maria Grazia prena/ s'un mi 'nzuru 'un fazzu bbene
Ave Maria piena di grazie se non mi sposo bene non faccio (Anonimo)
Ohi mamma 'nzurami aguannu/c'aiu fatt'i pila alli gammi
e si nun m'inzuru aguannu/pigliu n'accetta e mi tagliu li gammi
(Rosa Avolio)
'Nzurfura' = solforare le viti, ma anche sobillare e istigare (Stefania Chiaselotti)
'Nzurtu = ictus [Dall'italiano insulto. Anche 'Nsurtu. Ca ti vo' piglià nu 'nzurtu, che ti venga un accidente] (Franco Credidio)


0
Ogliarùlu = oliera (Lina Tripicchio)
Oi; oi adùattu = oggi; fra otto giorni (Massimo Giovane)
Oi = interiezione di richiamo, corrispondente al toscano O anteposto ad un nome [Oi Ma'= O Mario!; Oi ciuotu = O citrullo! ] (Privissu)
Ornia e sbornia = tutto in blocco, un insieme completo († Luigi Canonico, riferito dal figlio Tonino)
Ottantinu = chiodo di ottanta millimetri (Privissu)
Ova 'i vita = ovulo, amanita caesarea (Candeloro Modaffari)


P
Pacca = pezzo di lardo (Andrea Sarpa)
Pàccaru = schiaffo (Rosina Giovane)
Pacchiùnu, pacchiunièddru = grassottello (Privissu)
Paciènzia, pacinzìusu = pazienza, predisposto alla sopportazione (Rosina Giovane)
Pacienza corpu miu ca mali pati, ca va' pi 'chiru tiempu c'ha gudutu, Pazienza corpo mio che ora soffri, pensa a quando tu godevi! (Gianni Brusco)
Pàddra, paddrùni, paddròtta = palla, pallone, pallottola (Stefania Chiaselotti)
Paddrùni 'i ficu, fichi speziati avvolti in foglie d'arancio e infornati
Pagamuru = foro triangolare nel muro di un edificio (Carlo Ancona)
Esso serviva per indicare il limite di altezza di una casa. La sopraelevazione oltre tale segnale comportava il pagamento di un diritto al confinante
Pagliaru = accumulo di paglia sull'aia a fine trebbiatura, anche capanna (Lina Tripicchio)
Paglietta, paglittaru = cappello di paglia, ma soprattutto macchietta, spiritosaggine, e il comico che le fa (Privissu)
'mmec'i studia' facia pagliette, invece di studiare pensare a scherzare
Ma lass'u perdi ch'è nu paglittaru, non dargli retta che è inaffidabile
Pagliunu = materasso con paglia [Bruscia' 'u pagliunu, non pagare. La voce esiste anche al nord, con significato di allontanarsi da un alloggio bruciando il sacco su cui si ha dormito] (Privissu)
Paiuru = cinghia di cuoio per legare i buoi all'aratro (Lina Tripicchio)
Al plurale Pajiri (Fiore Maritato)
Paliata, paliatune = l'atto del picchiare qualcuno (Salvatore Avolio)
Palummeddra = farfallina (Andrea Sarpa)
Palummu = colombo domestico o di città (Amerigo Borrelli)
   [palummu significa anche vomito, forse dal rumore che accompagna il conato simile al grugare del colombo]
Pampina foglia di gelso, anche schiaffo a palmo intero (Tarquinio Iuliano)
Una volta i gelsi erano diffusissimi sul nostro territorio, poiché quasi ogni famiglia aveva in soffitta e/o in magazzino un telaio con annesso allevamento di bachi per la produzione della seta, la migliore della regione. (Privissu)
Pampuglia foglia secca, anche carta moneta di grosso taglio, ma nel dialetto napoletano cosa minutissima (Privissu)
Panàrizzu = panarizzo (disusato), patereccio, giradito [si credeva che una delle cause fosse l'arcobaleno quando vi si puntava il dito] (Privissu)
Panaru = paniere (Franco Picarelli - Brasile)
Panareddri avanti l'uocchi, equivalente all'italiano prosciutto sugli occhi
Pandàsca = pancetta di agnello (Eugenio Di Cianni)
Pànica = zolla di terra con conglomerati (Massimo Giovane)
Panicièddru 'i Sant'Antonio = pane votivo distribuito il 13 giugno (Rosina Giovane)
Panicuoculu = voce dialettale indicante un paesino della Campania, Panicocoli, oggi Villaricca in provincia di Napoli, usata da alcuni con riferimento a luogo lontano o sconosciuto ['i dduvi vieni, i Panicuoculu ?] (Privissu)
Panicùottu = zuppa per bambini a base di pane (Rosina Giovane)
Pannia' = galleggiare [riferito a oggetti o liquidi sul pelo dell'acqua. e all'acqua stessa sui campi] (Cenzino Rossano)
Pannizzu = pannolino di mollettone e, per associazione, grosso fiocco di neve (Wilma Giovane)
Panza e prisenza = detto di invitato che si presenta a mani vuote (Stefania Chiaselotti)
Panzarèddra = pancetta (Giovanni Mendicino)
Papagnu, papagna, papogna = papavero, anche schiaffo (Privissu)
Paparia', Papariare = temporeggiare (Salvina Tommaso) [dal girovagare nell'aia delle papere, Andrea Sarpa]
Paparina = papavero, ombrello sbrindellato (Peppino Giambarella)
Paparotta = pappa, papetta, detta di cibo stracotto e sgradevole (Privissu)
Papìeddru = papello, documento lungo e noioso (Rosina Giovane)
Papogna = papavero che un tempo si dava incautamente ai bambini per farli dormire [anche naso grosso e rubizzo] (Privissu)
Paposcia = naso enorme, ma più spesso enorme guaddrara, ernia (Privissu)
Pappagaddràta = azione o cerimonia ridicola e inopportuna (Rosina Giovane)
Pappatòria = cibo (Stefania Chiaselotti)
Pappice = lanuggine, sfilaccio e simili misti a polvere e residui che si trovano nelle tasche o negli ambienti (Antonio detto Antonello)
Papula = piccolo arrossamento della pelle (Privissu)
Papuocciulu = bambino [scherzoso] (Rosina Giovane)
Papusi = tignole o tarme del cibo [scherzosamente anche bambini, dal latino pupus] (Rosina Giovane)
Parapàtta = alla pari, pari e patta [U Milan e l'Inter su jiùti parapàtta] (Privissu)
Paràre = porgere
Para a manu!, dicevan le mamme e gli "educatori" ai fanciulli prima di infligger loro staffilate o schiaffi sui palmi delle mani (Privissu)
Paravìsu = Paradiso ['Mpiernu, Paravìsu e Prigatòriu - 'Mparavìsu, in Paradiso] (Privissu)
Unnu sacciu si quannu muoru vaiju nParvisu o a lu nBiernu, ma signu sicuru, sintiti a mìja, u Paravisu si lu goda chini sa po' campa intra sta Terra Calabrisi ... a chiri jierrami e spurtunati cumi a mmia, ca si campanu fora, ci sunu già intra lu nbiernu!!!
Franciscu Di Cianni (Alessandria)
Pari, pariri = sembrare, apparire (Privissu)
Paricchiu = coppia di buoi aggiogati per arare (Giuseppe Cipolla)
Parlittera (pr.:parlittèra) = chiacchierona, donna che ama parlare (Privissu)
Parmenta = ragazza 'ben piantata' (Franco Di Cianni alias "Partecipa")
Parmìentu = cantina dove si pigiava l'uva (Pino Mendicino)
Parpagnu = strumento improvvisato da servire per successive misurazioni sempre uguali (Santino Pugliese).
Altrove sparpagnu e sparpagna', scandagliare, forse dallo stesso etimo dell'italiano paragone
Parrasia = logorrea, anche parlasia. Il termine deriva da voce gergale napoletana, parlesia (Privissu).
Partecipa = soprannome di un nostro concittadino ... (Privissu).
... la cui storia merita di essere raccontata.
" Nella bottega di calzolaio di mio padre, all'imbocco di via Vittorio Emanuele, dove anch'io da giovane lavorai, alle pareti erano affisse le locandine di vari film. Tra le voci che vi comparivano, 'Con la partecipazione di ...' fu quella che diede origine al mio soprannome, attraverso alcune battute scherzose con un simpatico amico del tempo Orazio Roberti (sintesi di un racconto di Francesco Di Cianni, alias Partecipa) "
Pasca = Pasqua [Pasca marzatica o mora o è famatica] (Rosa Avolio)
Chini ha cucinatu, scucinissa, ca se si fraschia nun si paschia (Rosa Avolio),
Pasca 'mpedi a na frasca, Pasqua povera (Angelo Rummolo), fine feste con Pasqua Epifania (Angelo Caparelli),
Pasqua all'ombra (Vincenzo Cipolla)
Pascaru = pupazzo (Privissu)
Probabile corruzione del nome prorio Pascalu(Privissu)
Pascardoziu = persona goffa e ridicola (Privissu)
Forse, in origine, un nome tratto dal teatro dei burattini, o fusione di pascaru e mamoziu (Privissu)
Pasci, pascere = portare al pascolo [va' pascia piacuri, dispregiativo] (Andrea Sarpa)
Pascùni = lunedì dell'Angelo, pasquetta (Privissu)
Paspulia', paspuliare, paspuliàta = toccare, palpeggiare, toccamento (Privissu)
Paspuni = tentoni, tastoni [Alla paspuna, a paspuni] (Giuseppe Talarico)
Passa, passata = applicazione ripetuta di mezzi educativi manuali
Mo' ti fazzu na passa 'i scaffi!, diceva la mamma al figlio refrattario ai rimproveri (Privissu)
Passacqua = libellula (Stefano Langella)
Passamuru = grosso palo in legno, spesso a sezione quadra, che si infilava in appositi fori, lasciati all'esterno dei vecchi palazzi, a sostegno dei tavuluni per la formazione dei ponteggi di legno (Franco Manieri)
Passatella = è voce italiana, in dialetto Patrunu e sutta, gioco alle carte con bevuta (Privissu)
Passu = passo
Prima i fà nu passu, vida adduvi mindi i piedi, sii prudente (Franco Picarelli - Brasile)
Passulùne = fico maturato troppo (Rosina Giovane)
Passulini = fichi secchi; (figurato) persone demotivate (Franco Picarelli - Brasile)
Pastìddra = caldarrosta (Luigi Credidio)
Pastiddrèra = padella forata per caldarroste (Luigi Credidio)
Pastìddru = castagna secca [dal latino pastillus] (Rosina Giovane)
Pasturièddru = caviglia, anche diminutivo di pastore e figurina del presepe (Stefania Chiaselotti)
Anche se può sembrare strano ma pastore e ... caviglia hanno qualcosa in comune. Per pascere gli animali, cioè nutrirli senza che si allontanassaro, si legavano per una zampa ad una corda, trattenuta da un piolo conficcato nel terreno. Questa operazione era la pastura, pasto era ciò che l'animale avrebbe consumato, pastore quello che soprintendeva alle operazioni e così tutto nacque da un arto legato. La storia continuò ad evolversi e trovò anche una serpe che si sostituì alla fune e, per nutrirsi anch'essa, impasturò una vacca per succhiarle il latte ... con la lingua.
Tutta sa longarìa ppi dì c'u pasture 'mpasturava i piacuri ppi nu pasturieddru e u 'mpasturavacche 'un n'era nu pasture (Privissu)
Patana, pataneddra = patata, patatina (Privissu)
Patan'e pipazzi, patane 'mpacchiuse, peperoni e patate, patate appiccicose
Pati, patuto = patire, patito (Privissu)
Il participio sostantivato patuto non equivale mai al patito della lingua italiana, inteso come affezionato, fanatico, bensì a colui che ha avuto esperienze (di ogni genere). Due esempi: 'U patutu è lu megliu mastru! e ana ji adduv'u patutu ppi sapi' cum'ana fa.
Patrassu = padre, usato nella locuzione patrunu e patrassu, quindi padrone e padre nello stesso tempo (Privissu)
La voce deriva dallo spagnolo padrazo, padre attento e amoroso)
Patratracca = corruzione dell'italiano patatrac ma con significato di gran confusione (Franco Manieri)
Patre = genitore o religioso [U patre 'i Filippu, il padre di Filippo - Patre Giacumu, frate Giacomo] (Privissu)
Patrinnuostru = Padre Nostro in tutte le sue accezioni, ma anche i grani del rosario e, per similitudine, un tipo di pastina per brodo (Privissu)
Patriternu = padreterno (Privissu)
Patrunu (e patrassu) = padrone (e padre, vedi sopra patrassu) (Privissu)
Patrunu e sutta = padrone e sottopadrone nel gioco della Passatella, ovvero chi comanda e chi acconsente a dar da bere, lasciando sempre alcuni all'urma, senza bevuta. Urma è corruzione di urmu, olmo, per similitudine con il legno che reggeva la vite da cui si ricavava il vino. Il gioco in origine doveva essere una sorta di pantomima sulla vendemmia, poi trasferita nelle osterie come gioco con le carte. (Privissu)
Patutu = chi sa per aver subìto (Privissu)
Pazzuordu = un po' matto, inaffidabile, nel migliore dei casi originale e imprevedibile (Privissu)
Ped'a silica = antica strada che conduceva dalle Macchie al centro urbano, e il cui nome deriverebbe, secondo alcuni, dal selciato, secondo altri dal percorso che si sviluppava lungo il costone della Silica, ovvero lo sperone roccioso sul quale si ergono il Duomo e la retrostante Motta (Privissu)
Pede cata pede = un passo per volta, pian piano (Privissu)
Pedepiru, pidipiru = letteralmente piede del pero, ma la parola, o meglio l'unione dei due termini è usata con vari significati. Ne citiamo alcuni
'Mpidipiru o A pidipiru, rimasto in una situazione scomoda (Stefano Langella), quasi moribondo (Piero Gaudio), a termine di un lavoro agricolo (Addolorata Di Cianni)
Avanzo un'ipotesi. Se non sbaglio alcuni alberi da frutto, come il pero, venivano piantati per indicare i confini di un terreno. Le espressioni anzidette mi pare che conducano all'immagine di chi si butta a sedere ai piedi dell'albero che indica la fine del suo travaglio. (Privissu).
Ped'i gaddru = appuntamento o promessa mancata, più raramente inganno [letteralmente "piede di gallo", vedi approfondimento] (Privissu)
La voce, in uso da moltissimi anni, non è registrata nei dizionari tra le voci dialettali, per cui nasce il dubbio che possa trattarsi di corruzione di voce diversa, come in altri casi si è verificato. L'immagine di un piede di gallo, con tutte le possibili estensioni riguardo all'animale e al suo rapporto con l'uomo, non riporta ad alcuna situazione di disimpegno o inganno. Ci rimanda, però, alla beffa di Chichibio e della gru narrata dal Boccaccio nel Decamerone, visto che anche il gallo -come del resto varie specie di uccelli- nel suo incedere talvolta solleva e tiene seminascosta una zampa.
Altre spiegazioni sono le seguenti. Il gallo, in presenza o meno della gallina, usa spostarsi lateralmente con un'ala abbassata e su una zampa, quasi a voler camuffare le sue intenzioni (Carmine Pellegrino). La zampa di gallo o di gallina è usata per attirare i polpi nella pesca da riva o sul molo (Fernando Ferretti). Il gallo potrebbe aver lasciato traccia del suo passaggio senza però aver fecondato la gallina, per cui l'uovo sarà senza pulcino (Gennaro Quintieri). Forse da una storiella in cui una zampa di gallo era all'origine di un inganno. (Privissu)
Pedi truazzulu = calpestio, rumore dei passi (Stefano Langella)
Il dizionario di Luigi De Accattatis (1895) riporta una spiegazione di uno scrittore del tempo, Lorenzo Greco, secondo il quale la voce deriverebbe dai gabellieri esattori, altrove detti trossoli, i cui passi erano riconosciuti anche in lontananza dal popolo da cui esigevano le odiate tasse. Ma esiste anche il termine truzzuliare (a Napoli tuzzuliare) iterativo di truzzare, con significato di bussare, picchiare.
Pèllaru = schiaffo [Pellàro o conciapelli si diceva Piddràru] (Umberto Gaudio)
Percia', pircia' = forare (Stefania Chiaselotti)
Il moderno "piercing", cioè l'arte di forare parti del corpo infilandovi un orecchino o altro oggetto, ha la stessa etimologia del nostro vocabolo!
Perciaricchi = Piccoli cerchi per mantenere i fori nelle orecchie delle neonate (Virginia Grosso)
Perciasaccu = forasacco, spiga che fora i sacchi e se infilata entro gli abiti si sposta con il movimento del corpo (Francesco Grosso)
Perdi = Perdere [Mi vuògliu perdi ppi chissu?!, espressione per indicare piena disponibilità a fare qualcosa] (Privissu)
Pesta = peste, odore nauseabondo (Privissu)
Petra 'i punta = ostacolo, di solito messo apposta (Privissu)
Pezza = anche forma di cacio [Na pezza 'i furmaggiu] (Tarquinio Iuliano)
Pi = per [Preposizione, anche apostrofata - Articolate: pa, pu, pi] (Privissu)
Pa (o p', pi la) = per la [Pa pressa, per la fretta - P'amuri 'i mammita, per l'amore di tua madre - Pi la miseria, per la miseria]
Pu (o pi l') = per il, per lo [Pu figliu, per il figlio - Pi l'uovu, per l'uovo]
Pi (o pi li, p') = per le, per i, per gli [Pi mamme, per le mamme - Pi l'auni, per gli agnelli - P'incendi o Pi l'incendi, per gli incendi]
Piacsa, piaxa = frittata con farina acqua e cipolle scalogne [voce di origine arbereshe] (Pino Mendicino)
Pìartica = canna o bastone per appendervi prodotti da stagionare (Amerigo Borrelli)
Pica = ghiandaia (uccello), anche sbornia (Piero Gaudio)
Picata = impiastro, cataplasma, spesso a base di pece [da documento XVI secolo Archivio Selvaggi] (Privissu)
Picca = poco [na picca, per cose anche na stizza] (Privissu)
Picchiu = omento, membrana con cui si avvolge il fegato del maiale [anche jippu, chippu] (Privissu)
Piccia' = invidiare (Giuseppe Talarico)
Piccicannieddru = vezzeggiativo per bambino (Dina Dora Dores)
Piccinninnu = vezzeggiativo di picciriddru, coniato sulle voci piccino e ninnu (Privissu)
Picciriddru = bambino (Candeloro Modaffari)
È muortu u picciriddru e nun simu jiu' cumpari, detto di una relazione interpersonale non più intima
'A morte sup'i picciriddri, jettatore
Picciu = fastidio e anche jettatura [l'italiano ha piccia, coppia di cose attaccate] (Giuseppe Talarico)
Picciune = piccione, ma anche vulva e, pars pro toto, donna attraente (Privissu)
Picicardiglia = lucertola [in uso a Cervicati e Mongrassano] (Giuseppe Mollo)
Picinusu (pr. Picinùsu) = meticoloso, esigente (Giuseppe Talarico)
Picu = piccone (Francesco Manieri)
Picunata (pr. picunàta) = forte tiro al pallone o botto (Tarquinio Iuliano)
Picuozzu (pr. picuùozzu) = monaco laico (Rosina Giovane) - (Pr. Picuazzu Andrea Sarpa)
Picundria = malinconia (Privissu)
Picunu = zoticone, testardo [il latino aveva rupico, rupiconis, zoticone] (Privissu)
Picuraru = pecoraio, allevatore o custode di pecore (Franco Picarelli - Brasile)
Pidicuni (pr. Pidicùni) = tronco d'albero, gambo di fungo o anche gran pezzo di ... figliola (Tarquinio Iuliano)
Piddraru (pr. Piddràru) = conciatore, conciapelli, concia corame (Privissu)
Piddrizzunu = straccione [non significa coperto di pelli, ma deriva dal siciliano piddizzuni, pidocchio] (Stefania Chiaselotti)
Pidizzi (pr. Pidìzzi, alli p.] = ai piedi del letto (Massimo Giovane)
Piecura (pr. piæcura) = pecora (Privissu)
Piecuru = maschio della pecora ['A furtuna du piecuru: nascia curnutu e mora ammazzatu!] (Raffaele Serra)
Pienzica = forse [a pienzica, a caso] (Luciana Palumbo)
Piernice = grappolo d'uva (Tarquinio Iuliano)
Anche, più corretto, piennici, che pende (Pino Mendicino)
Piertica = asta di canna o di ramo d'albero per vari usi domestici: per seccare i panni al sole; per pulire la cenere del forno coll'aiuto d'un cencio (Franco Picarelli - Brasile)
Pietanza = quando s'ammazzava il maiale, i vicini che avevano collaborato al suo ingrasso, dando la propria iotta, ricevevano la pietanza, un pezzettino del filetto del maiale (Franco Picarelli - Brasile)
Piettina = rastrello (Stefano Langella)
Piettin'i mele = favo delle api (Antonia Gitto)
Pifania (Pasca Pifania) = Epifania
Mo' arriva a Pifania,
tutt'i festi porta 'via.
È rimasa a festicciola
ca si chiama Cannilora,
ma rispunna Santu Vrasu:
(Biagio)
puru iu sugnu a na rasa
(Giuseppe Cipolla)
[Gli ultimi due versi, che stanno ad indicare il continuare dell'inverno, variano in altri Comuni]
Piglianculu = furbo, che non si fa fregare (Privissu)
Pigliepporta = pettegolo (Privissu)
Pignata = pignatta [in genere usata per cucinare legumi e cotiche] (Roberto Ammenda)
Pignatieddri = pentolini di terracotta, ma la voce è usata nell'espressione N'ha fattu pignatieddri! (Giuseppe Talarico sr)
L'espressione si riferisce all'inumazione, oggi abbandonata e sostituita dalla tumulazione e dalla cremazione. Creato dalla terra, l'uomo ritornerà nella terra, la stessa che è usata per creare utensili, tipo pignatte e simili, per cui l'espressione sopradetta, significa che dal suo cadavere, ormai cenere, polvere o terra che sia, sono stati ricavati tanti pignatieddri quanto più lontana è la data della sua morte !!
Nel dialetto napoletano fa' nu pignatiello significa fare una fattura.
Pigula, pigulia' = civetta, piagnucolare ma anche gettare il malocchio (Rosina Giovane)
Pigulu = piagnisteo, ma anche malocchio, iella (Rosina Giovane)
Pijiunica = donna silenziosa e imbronciata (Candeloro Modaffari)
Pionica in altre zone della Calabria significa sbornia
Pila = pila, soldi (invariabile), peli (plurale di pilu) (Privissu)
Ni tìeni pila?, ne hai soldi?
Negli anni Settanta piccoli monelli andavano in giro a farsi beffe di compiti signori ai quali chiedevano con ingenuità:
"Ati fatti chiri cosi?, avete fatto quelle cose?"
e alla richiesta di spiegare a quali cose si riferissero, i monelli rispondevano impertinenti:
"I pila allu culu!, i peli al culo!", per poi fuggire compiaciuti della loro bravata.
Piloscia = arbusto con cui si facevano le scope (Addolorata Di Cianni)
Pilu = pelo [Fa nu friddu ca ti tramuta lu pilu!] (Natalina Carnevale)
Pilu cabissa = equivalente di estrema sottigliezza, ma anche di nullità (Fiore Maritato), spesso riferito ai tessuti molto sottili è probabile che derivi dalla voce bisso (latino byssus), tessuto di lino
Tira 'chiù nu pilu all'irta ca nu carr'i voia, dove u pilu è quello del pube di donna
Pilu caninu = pelle d'oca
Piluscina = bambina impertinente (Stefano Langella)
Pimmadoru, pimmaduru = pomodoro (Privissu)
Pimmaduricchiu e pimmadurieddru, pomodorini
Pimmaduri 'i Scarniglia, video
Pimmicia, pimmice = cimice [pimmicia agresta, cimice verde o "Nezara viridula"] (Andrea Sarpa)
Pinia', piniju = penare, pena [riferito generalmente a lunga attesa] (Privissu)
Pinnangulu = pendaglio, ogni oggetto che pende (Privissu)
Pinnatu = pelato, calvo [aferesi di spinnatu] (Rosina Giovane)
Pinninu = pendio, discesa [Tira cchiù nu pilu all'irtu ca na funa allu pinninu] (Privissu)
Usato anche per indicare un luogo geografico generico, spesso al Nord: È partutu druoccu a 'pinninu, è emigrato.
Quando si usavano penna e calamaio indicava anche il pennino. Pinninu a cavallottu, era chiamato un pennino marca Cavallotti, pensando che la sua forma tondeggiante fosse all'origine del nome. Negli anni Venti, Trenta del Novecento i pennini erano usati dai bambini in giochi di abilità, in cui il premio era il pennino stesso (dai racconti di alcune zie, Privissu)
Pinnula = pillola (Privissu)
Pinnulari = ciglia (Rosina Giovane)
Pintutu = pentito (Privissu)
Pipita' = parlare in continuazione [anche pipitia', dal latino "pipilare", pigolare] (Massimo Giovane)
Pippia' = fumare la pipa [ma anche fumare] (Privissu)
Pirciatu (vedi Perciare) = bucato [riferito a letto, Ca ti vuonu vuta' e rivuta' a liettu pirciatu] (Rosa Avolio)
[Liettu pircìatu era il letto, per malati cronici, con foro centrale da cui far uscire gli escrementi] (Diz. Luigi Accattatis)
Pirciogna = castagna di bassa qualità (Rosina Giovane)
Pircocu = percoca, pesco, pesca (Privissu)
Pirdienza = perdita [Paroli avant'u furnu, pirdienz'i pani] (Giuseppe Cipolla)
Piretto = letteralmente peretto, usato per indicare il fondo schiena (Privissu)
È usato in particolari espressioni indicanti fatica o sopraffazione: Haiu fattu tantu u pirettu, mi sono sfiancato dalla fatica, Ci aiu fattu tantu u pirettu, l'ho superato, vinto, sopraffatto. Si usa anche con lo stesso significato basinettu, diminutivo di bacino
Pirinchi = rabboccare liquidi [altrove, anche nel napoletano, parinchi] (Francesco Manieri)
Piripacchiu = gioco con le carte noto anche come assu scogliattuttu (Privissu)
Pirita', piritia' = scorreggiare [il secondo iterativo] (Privissu)
Piritu = peto, scoreggia [piritu vistutu, ... non solo peto, piritu i lupu, varietà di fungo] (Privissu)
Pirri Pirri = sillabazione per i bambini e anche definizione scherzosa per automobile. Non è escluso che possa essere una corruzione della voce piripilli, un cappello cencioso (Privissu)
Pirrupainu = tralcio di vite interrato per originare una seconda pianta (Giovanni Mendicino)
Altro non è che l'italiano propaggine !! (Privissu)
Pirrupu, pirrupa' = precipizio, precipitare (anche riflessivo) (Giovanni Tommaso)
Pirucca = sbornia [dallo spagnolo peluca] (Massimo Giovane)
Piruni = pezzo di legno appuntito (Amerigo Borrelli)
Piruozzulu = pezzo di legno (Giovanni Tommaso)
Pisa' = pesare e anche pestare, macinare, trebbiare (Beniamino Giambarella)
Pisasali = pestello [Pisare, pestare] (Privissu)
Piscialiettu = tarallo bollito, così detto perchegrave; nelle case con poche suppellettili i taralli venivano posti ad asciugare sul letto (Privissu)
Pisciareddra = pene (Privissu)
Pisciaturu = vaso da notte [anche grave offesa alla persona] (Privissu)
Pisci 'i traffinu = infiltrato, ingannatore [traffinu in Calabria è chiamato il delfino che guida i tonni nella rete] (Privissu)
Pisci, pisciu = pesce, urina, volgarmente pene [pisc'i vrachetta, il cosiddetto] (Privissu)
Pisciulia' = piovigginare [sta pisciuliannu] (Privissu)
Pistu = un po' in carne e con la pelle soda [di solito riferito a bambini] (Stefania Chiaselotti)
Pitrusinu = prezzemolo [dal greco - Massimo Giovane] (Stefania Chiaselotti)
Pisturata = tipo di semina dei fagioli (a macchia) (Lina Tripicchio)
Allu Carmini a pisturata o è chiantata o è nata (Giovanni Tommaso)
Pitazzu = petazzo, pezzetto, inezia [sp. e port. pedaço, A stuozzu e pitazzu, in modo ingarbugliato e discontinuo] (Candeloro Modaffari)
Pitrulia', pitruliari = nevicare piano, primi fiocchi di neve (Candeloro Modaffari)
Pitta = ciambella di pane con il tipico buco centrale (Luigi Credidio)
Pitteddra = bambina che si mette in mostra [per scherno anche donna adulta] (Rosina Giovane)
Pittinissa = piccolo pettine per donna con i denti molto stretti (Tarquinio Iuliano)
Pittiria' = dolersi facendosi male (Rosina Giovane)
Pittu = pittura, colore, anche rossetto e belletti (Privissu)
Pittulia' = spettegolare (Privissu)
Pittuliddri i juriddri = frittelle di fiori di zucca (Luigi Credidio)
Pituosciu = puzzola (Stefania Chiaselotti)
Pivula = civetta [anche jella] (Luigi Credidio)
Pizzicu = partita di tressette tra due giocatori (Francesco Di Cianni alias "prufissuru")
Pizzicuornu = estremità di stoffa che fuoriesce dal suo bordo regolare (Privissu)
Pizzu = [zeta aspra di palazzo] luogo [Sammarcu ha quattru pizzi] (Stefania Chiaselotti)
All'autru pizz'i'munnu, oltre oceano (Beniamino Giambarella)
Piẓẓu = [zeta dolce di zero] sporcizia, muschio (Stefania Chiaselotti)
Pizzulia' = pizzicare (Privissu)
Pizzulune = pizzico, pizzicotto, ma anche mortificato [mi sugnu fattu (o 'ntisu) nu pizzulùne, mi son fatto piccino piccino dalla vergogna] (Privissu)
Pizzutangulu = filastrocca dei pizzicotti [Pizzitangulu e 'zipangulu sono detti i cocomeri in varie zone del reggino] (Rosina Giovane)
La filastrocca era sillabata e accompagnata da pizzicotti sulle dita della mano
Pizzu pizzutangulu
lu chianu di Santangelu
Santangelu piru piru
Na gaddrina zoppa
Quanti piedi porta
Ni porta trentasia
Và pizzulia và pizzulia

Grandi virtù pedagogiche dei nonni: la sillabazione educava alla pronuncia e al ritmo, il pizzicotto imponeva l'attenzione.
La nostra è una variante di una filastrocca in dialetto napoletano, della quale conserva solo qualche similitudine nei versi iniziali.
Pizzi pizzi trangula
la morte alisandrangula
(altri e la morte re San Trangule)
e sandrangula a pipì
e la morte Sarracina
(altri e la morte re sarracin)
...
Il resto è tutt'altra storia!
Pizzùtu = appuntito (Privissu)
Popò = sillabazione infantile per automobile (Privissu)
Po' po' po' = interiezione di meraviglia (Antonio Di Cianni †)
Poca = interiezione generica che sta per mentre, intanto, dunque (Privissu)
Pocu e 'nenti = quasi alla fine, espressione per indicare un tempo molto prossimo [Quantu manca 'pi finisci 'u lavuru? Pocu e 'nenti] (Privissu)
Poglia = pezzo largo e sottile, sfoglia [poglia i ciucculata, probabilmente da foglia, ma in italiano esiste con lo stesso significato boglio] (Stefania Chiaselotti)
Pompe = fare le pompe, metter l'abito buono in occasione del Venerdì Santo (Antonio Rogato)
Porcariùsu = sozzone (Privissu)
Portazicchìni = portamonete (Wilma Giovane)
Posta = chiodo per ferrare asini e cavalli a sezione quadrata decrescente fino alla punta (Luigi Credidio)
Posta = oltre al significato di chiodo per ferrare animali, quantità d'acqua assegnata per un dato scopo [fa' ghesci 'na posta d'acqua pi' adacqua'] (Emilio Rummo)
Pràcchia = macchia, ma anche decorazione o distintivo esagerato. (Privissu)
Su questa voce è stato coniato il nostro mpracchia', che altrove è mpacchia', appiccicare, attaccare
Pracetta = cibo di forma schiacciata (Fiore Maritato)
Praia = spiaggia, riva non alberata [Praia 'i iumi, riva pietrosa del fiume] (Privissu)
Praièddra = lembo inferiore della camicia [Cca praièddra 'i fora, con un lembo di camicia fuori dai calzoni] (Privissu)
Prandidusu = largo, vestito largo (Franco Picarelli - Brasile)
Pratta = fila singola o multipla di frutta essiccata (Oscar Ruffo)
Prena = incinta (Salvatore Avolio)
Presama = dentatura (Stefano Langella)
Prèssa = fretta ['mpressa, in fretta] (Privissu)
Prièju, prìjarsi, prìjatu = contentezza, rallegrarsi, contento (Privissu)
Priavula = Pergolato (Roberto Amnmenda)
Prieiu = contentezza (Privissu)
Prièvutu = prete (Privissu)
Prigatòriu = Purgatorio ['Mpiernu, Paravìsu e Prigatòriu - Ova 'mprigatòrio uova in purgatorio] (Privissu)
Prijèbbiti = fastidiosi racconti di fatti accaduti ad altri [probabile corruzione di Pruibbitu, proibito] (Privissu)
Primaviduta, prima viduta = promessa di matrimonio (Andrea Sarpa)
Primintivu = precoce, primaticcio, preventivo [raro privintivu, altrove prumentiu (pr.:prumentìu)] (Maria Gitto)
Primmavera = primavera (Privissu)
Prisa = regolatore dell'aratro per la profondita del solco (Umberto Batilde)
Prisintìna = nome proprio femminile, ma anche bambina onnipresente e inopportuna (Rosina Giovane)
Pristuddrà, pristufò = gridi per allontanare un cane (Luigi Credidio)
Privissu = contrazione scherzosa della voce dialettale prufissuru, nome di penna dell'autore del presente dizionario, nonché iutubbista di video su San Marco Argentano
Priviticchiu (pr.: privitìcchiu) = seminarista o chierichetto (Privissu)
Proji = porgere (Massimo Giovane)
Prosu = culo (Privissu)
Prr te = verso vocale per chiamare le pecore (Massimo Giovane)
Prubbicu = pubblico (Privissu)
Prucinu, prucinieddru = pulcino, pullo appena nato (Candeloro Modaffari)
Prufissuru, pruvissuru (pr.:prufissùru) = professore [vocativo privissu' e finanche pri'ssu'!] (Privissu)
Prulusingu = presuntuoso (Rosina Giovane)
Pruoffici, puorfici = forbici (Rosina Giovane)
Prunta = si diceva di donna intelligente e disinvolta (Arcangelo Tommaso)
Pruvula, pruvura = polvere, scherzosamente anche vino [quest'ultimo probabilmente dal gergo malavitoso] (Stefania Chiaselotti)
Pruvula e farineddra, come risultato frequente di una millantata potenza (Giuseppina Quintieri)
Pruvula janca, un vino eccellente, con riferimento alla polvere da sparo bianca, migliore della nera (Tonino Canonico, Fame e piducchj)
Pruvurata = polvere, gran sollevamento di polvere (Stefania Chiaselotti)
Pruvureddra = leggera polvere, ma anche vino buono e finanche veleno (Privissu)
Pruvvista = provvista di prodotti per l'inverno (Privissu)
Puarru = porro (Amerigo Borrelli)
Puca = pula, parte che ricopre il chicco del grano e viene eliminata con vaglio (Pino Garaglio)
Puddrara = letteralmente pollara, stella polare (Rosa Avolio)
Lavura lavura lu gualanu (bovaro) finu a ca cala la puddrara
Puddrastra = pollastra, giovane gallina in contrapposizione al galletto maschio detto gaddruzzu [usato anche per indicare scherzosamente una giovane donna] (Franco Manieri)
Puddritu = puledro, anche la cosiddetta madre dei batteri dell'aceto e ragazzo forte e vivace (Pino Mendicino)
Puddritia' = scorazzare, divertirsi, fare baccano (riferito a giovani) (Privissu)
Puddrulia' = nevicare intenso e a piccoli fiocchi (Walter Gaudio)
Anche assembrarsi di persone o animali (Maria Antonia Gitto)
Puddrulizzu = moltitudine di gallinacei (Piero Gaudio)
Puffa = cesta di paglia (Rosina Giovane)
Puglia, pugliu = soffice e morbido (Stefania Chiaselotti)
Pugnetta = atto di masturbazione maschile (Privissu)
Ma va ti fà na pugnètta!, espressione di disprezzo verso il pensiero o le capacità altrui
L'espressione menza pugnetta per indicare una persona molto bassa è una corruzione del siciliano menza cugnetta, diminutivo di cugna, cuneo
Puinu (pr.:pùinu) = pugno [diminuitivo puinieddru, anche con significato di modica quantità] (Privissu)
Puliciaru = chi si agita, chi non sta mai fermo [come se fosse pieno di pulci] (Privissu)
Pulìeju = erba selvatica simile all'origano [Riganu e pulìeju, unu è tintu l'atru è pièju] (Franco Credidio, Fernando Ferretti)
Puleggio, dal latino Pulejum, a sua volta derivato da Pulex, pulce, in quanto per il suo forte odore si usava per combattere questo parassita. Con il pulìeju il giorno di San Giovanni si facevano i pupuli (Privissu)
Pulizza', pulizzatina, pulizzateddra = pulire, pulitura, pulitura molto superficiale (Privissu)
Pulizza' è usato anche nel significato di eliminare qualcuno. Avia sgarratu e s'hanu pulizzatu, aveva sgarrato e l'hanno eliminato
Punissi = puntine che si attaccano con la sola pressione del dito sulle bacheche (Luigi Credidio)
Pungiutu = affiliato alla malavita (Tarquinio Iuliano)
Puntinu = chiodo piccolo [chiùovu, chiodo] (Privissu)
Punturu = pungolo per buoi (Pino Mendicino)
Puocchiula = glande, capocchia (Stefano Langella)
Puolima = farina (Franco Di Cianni, alias "Partecipa")
Pùorcu = porco, in ogni senso [Ha fattu carni 'i pùorcu!, ha fatto un macello!] (Privissu)
Puorcu è il maschio di maiale castrato (Francesco Ammenda), Purcieddru, purceddra, purciddruzzu, diminuitivi, al femminile equivale anche a donnaccia
Purciddruzzu 'i Sant'Antuonu, armadillidium vulgare, così detto per similitudine col porcellino di Sant'Antonio Abate, oppure (Peppino Giambarella) una specie di insetto notturno
U puorcu ha ispirato numerosi racconti. Rosa Avolio ne ricorda uno riguardante una vedova con due figli, desiderosa di risposarsi con mastru Sgarru. L'occasione per un incontro si presenta con l'uccisione del maiale, al quale la vedova invita l'uomo di cui è innamorata. I figli, contrari al matrimonio della madre, fanno in modo che l'incontro non avvenga e, mentre gustano le carni del maiale, giurano che mastru Sgarru non l'avrebbe mai avuta « ... é 'pi l'anima, né 'pu cuorpu, cumi sa 'sa carn'i puorcu»
Puorcula = porzione, piccola parte di qualcosa [Aiu fattu na puorcula 'i terra 'ppi ci chianta' fasuoli, ho preparato un pezzetto di terra per piantarci fagioli] (Piero Gaudio)
Pupulu = pupazzo [I pùpuli 'i Sangiuvanni] (Maria Rosa Avolio)
Nella ricorrenza di San Giovanni si usavano preparare dei pupazzi con una pianta chiamata pulìeju. Essi venivano vestiti con abiti femminili e dati alle bambine, le quali compivano un rituale, recitavando una filastrocca e imitando i vezzeggiamenti delle mamme nei confronti delle figlie
Purcèddra = scrofa, e anche donna di facili costumi (Privissu)
Si ti regalano na purceddra, fuia e va' piglia a funiceddra, approfitta dell'occasione propizia (Natale Esposito)
Purchiaca = Portulaca Oleracea detta anche Porcellana Comune, pianta infestante per usi culinari e medicinali [in napoletano sta per vagina] (Andrea Sarpa)
Purchia' = (con riferimento al grano) lo spuntare delle prima spiga con i suoi germogli [Purchia nel dialetto napoletano è il germoglio] (Franchino Avolio)
Purciddruzzu 'i Sant'Antuonu = letteralmente porcellino di Sant'Antonio (Abate) o di terra o onisco (Privissu)
L'origine del nome risiede nell'immagine di Sant'Antonio Abate spesso raffigurata con un porcellino di dimensioni talmente ridotte da somigliare ad un grosso insetto.
Purpètta = polpetta ['i carni, 'i mulanciana, 'i risu] (Stefania Chiaselotti)
['Mùccati sta purpètta, espressione di basso convivio usata in varie circostanze]
Purteddra = asola (Franco Di Cianni alias Partecipa)
Purtugallu = arancio e arancia [dal greco portokalos] (Massimo Giovane)
Anche in arabo esite la voce al-burtuqaali, البرتقالي per indicare l'arancia (Privissu)
Purtulanu = portinaio (Ardis Mario †)
Pustale = corriera postale, autobus adibito a trasporto dei passeggeri e della posta (Privissu)
Pustema = apostema, postema, ascesso purulento (Stefano Langella)
Pusturata = coltivazione fuori stagione (Beniamino Giambarella e altri)
Pusturrieddru = figlio nato dopo vari anni dal penultimo nato (Beniamino Giambarella e altri)
Le due voci soprascritte hanno lo stesso etimo di posteriore, postumo ecc. Anche i cognomi Posteraro e Postorino, e loro varianti derivano, dal latino posterior.
Puti' = potere, verbo ausiliare [puòzzu, putìa, putiènnu, putùtu, puti' ] (Privissu)
Presente indicativo: Pùozzu, pu', po', putìmu, putìti, pùonu
Imperfetto indicativo: Putìa, putìesi, putìa, putìemu, putìeti, putìenu
Futuro e passato remoto non esistono nel dialetto sanmarchese.
Per il futuro si usa il presente: "Chissà se potrà farlo domani" = Sapimu s'u po' fa' dumani?
Per il passato remoto si usa il passato prossimo
Passato prossimo: Àiu putùtu, à putùtu, à putùtu, avìmu putùtu, avìti putùtu, ànu putùtu
Trapassato prossimo: Avìa putùtu, avìesi putùtu, avìa putùtu, avìemu putùtu, avìeti putùtu, avìenu putùtu
Il presente congiuntivo non si usa ed e sostituito dall'imperfetto: "Speriamo che possa vincere" = Speramo ca putissa vinci
Imperfetto congiuntivo (spesso sostituito dal condizionale): Putìssa, putìssi, putìssa, putìssimu, putìssiti, putìssaru
Piuccheperfetto congiuntivo: Avìssa putùtu, avìssi putùtu, avìssa vulùtu, avìssimu putùtu, avìssiti putùtu, avìssaru putùtu
Condizionale presente: Putèra, putèrisi, putèra, putèrimu, putèriti, putèranu
Condizionale passato: Avèra putùtu, avèrasi putùtu, avèra putùtu, avèramu putùtu, avèriti putùtu, avèranu putùtu
Gerundio: putiènnu - Participio presente: putente (sostantivato) - Participio passato: putùtu - Infinito: puti'
Putiga, putigaru (putica) (pr.:putìga) = bottega, bottegaio (Privissu)
Casa e putìga, casa e bottega, cioè tutt'uno tra commercio e affari privati, con riferimento all'abitazione posta sopra la bottega
Putighinu (pr.:putighìnu) = rivendita di sali e tabacchi (Privissu)
Putiru, putirusu (pr.: Putìru) = potenza, forza, pieno di forza (Privissu)
Putriglia = vigore fisico, anche eccitazione sessuale (Claudio Veniace)
Puttana = con questo insolito appellattivo è definita una sostanza all'interno della canna con qualità emostatiche (Beniamino Giambarella)
Puzu, puzinu = polso, anche energia e fermezza, polsino (Stefania Chiaselotti)
Puzzunìettu = recipiente in rame da cucina [in italiano polsonetto, ma anche ponzonetto e finanche pozzonetto] (Rosina Giovane)




Garrafuni
Garrafùni
(propr. Piero Gaudio)


Jannivoi
Jannivoi
(Monacu 'i Turanu)


Lagani e ciceri
Lagani e ciceri
(Narcissus tazetta)


Magaria
Magaria
(Resti di un fantoccio)


La vedova
U mascu
(Video)


'ndulagrisimu
'ndulugrisimu
('ndirucrisma)


Pisasali
Pisasàli
(Antonio Fasano restauratore)


Pruoffici
Pruòffici


Pustale
Pustale


Puzzuniettu
Puzzunìettu
A - F A-F G - P Q - Z Q-Z