Prima pagina | Curiosità | Immagini | Cronologia | Delibere | Argomenti | Cronaca | Cognomi | Emigrati | Mestieri | Strade | Contrade | Prezzi | Cronistoria
Questa pagina fa parte del sito L'Ottocento dietro l'angolo di Paolo Chiaselotti
(foto, photo)


 
Il riferimento più antico alla presenza del cognome Termine a Sammarco (così veniva indicato il comune all'epoca) risale al 1813 con l'atto di matrimonio di Giuseppe Termine, massaro di campo di anni 32, che sposa [De] Pasquale Maria Francesca. Tale atto è importante perché contiene preziose informazioni su questo ceppo: il nome del capostipite (Nicola), la sua età (65 anni) e il domicilio (Santo Iace, corruzione del nome dell'antica strada Sir Andreace). Di lui abbiamo trovato solo il figlio Francesco, barbiere e sartore, con casa a Capo le Rose, che sposò Angela Metallo nel 1833 dando origine al ramo piú consistente dei signori Termine di San Marco Argentano nell'Ottocento.
Il figlio Paolo Antonio partecipò nel 1860 alle battaglie per l'Unità d'Italia contro il governo borbonico (Cronistoria della città di San Marco Argentano). Il suo nome compare anche in una deliberazione consiliare del 1862 riguardante l'assolvimento degli obblighi di leva. Nell'atto di matrimonio del figlio Gaetano Felice, cioè nell'anno 1893, risulta emigrato a Buenos Aires, dove si trasferirà anche il secondo figlio Angiolino (n.1872) con la moglie Rosina Perrotta, come da informazione giuntaci da un loro pronipote, il signor Alberto José Termine.